Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Voto per la fusione in giugno Il consiglio ci prova

BORGOFRANCO SUL PO. Il consiglio, pur consapevole di tempi tecnici da rispettare, ha chiede alla Regione di poter votare entro il prossimo 15 giugno per la nomina della nuova amministrazione di...

BORGOFRANCO SUL PO. Il consiglio, pur consapevole di tempi tecnici da rispettare, ha chiede alla Regione di poter votare entro il prossimo 15 giugno per la nomina della nuova amministrazione di “Borgocarbonara” che ha superato il test referendario dello scorso 11 febbraio. Era l’argomento più importante della prima seduta consiliare del dopo referendum con la presa d’atto dei risultati consultivi e la richiesta al presidente della giunta regionale di avvio dell’iter legislativo per la fusion ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BORGOFRANCO SUL PO. Il consiglio, pur consapevole di tempi tecnici da rispettare, ha chiede alla Regione di poter votare entro il prossimo 15 giugno per la nomina della nuova amministrazione di “Borgocarbonara” che ha superato il test referendario dello scorso 11 febbraio. Era l’argomento più importante della prima seduta consiliare del dopo referendum con la presa d’atto dei risultati consultivi e la richiesta al presidente della giunta regionale di avvio dell’iter legislativo per la fusione di Borgofranco sul Po e Carbonara di Po. Ad inizio seduta, dopo l’approvazione unanime del Piano economico-finanziario e tariffe Tari per il 2018, il sindaco Lisetta Superbi ha ripercorso l’iter burocratico della legge regional e ha ribadito che la stragrande maggioranza dei votanti (88,35%) si è espressa a favore della fusione e alla scelta di Borgocarbonara quale denominazione del nuovo Comune. E ha letto due passi importanti della delibera che verrà inviata in Regione. Il percorso amministrativo deve concludersi in tempi brevi, tali da non inficiare i risultati della volontà referendaria e non obblighi l’amministrazione a sostenere spese elettorali per un breve periodo di mandato.

Ugo Buganza