Quotidiani locali

il lutto

Morto l'astrofisico Stephen Hawking, lo scienziato che studiò le origini dell'universo

Hawking, aveva 76 anni, era malato di Sla e ha vissuto gran parte della sua vita su una sedia a rotelle

CAMBRIDGE. È morto all’età di 76 anni il grande astrofisico e cosmologo inglese Stephen Hawking. L’annuncio è stato dato da un portavoce della famiglia: «Siamo profondamente rattristati dal fatto che il nostro amato padre sia morto oggi (la notte del 14 marzo, ndr)», hanno detto i figli del professor Hawking, Lucy, Robert e Tim in un comunicato diffuso dall’agenzia di stampa inglese. «Era un grande scienziato e un uomo straordinario il cui lavoro e eredità vivrà per molti anni».

Hawking, che aveva studiato le origini dell’universo e elaborato teorie sui buchi neri, era malato di Sla e viveva da anni su una sedia a rotelle. Era nato a Oxford l’8 gennaio del 1942 ed è morto (quasi a voler racchiudere la sua vita tra due grand istituzioni scientifiche) a Cambridge alle prime luci dell’alba di oggi- Era diventato, per tutto il mondo, un simbolo del coraggio e della capacità di superare la disabilità. Stephen Hawking era il più famoso scienziato moderno del mondo, un genio che ha dedicato la sua vita a svelare i segreti dell’Universo. Nato l’8 gennaio 1942 - 300 anni dopo la morte del padre della scienza moderna, Galileo Galilei - credeva che la scienza fosse il suo destino. Ma il destino ha anche trattato Hawking con crudeltà. La maggior parte della sua vita è stata trascorsa su una sedia a rotelle. Hawking era paralizzato dalla sclerosi laterale amiotrofica (SLA), una forma di malattia dei neuroni motori che attacca i nervi che controllano il movimento volontario che gli era stata diagnositcata nel 1963 ad appena 21 anni.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro