Quotidiani locali

Sacchi appesi a Castiglione, non è finita: ora ci sono anche i cartelli

Castiglione. La protesta di una guardia ecologica si inserisce nella provocazione: «Sono stufa di raccogliere immondizia abbandonata». Intanto il mistero rimane

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. I rifiuti appesi di Castiglione delle Stiviere fanno discutere e il mistero su chi si prende la briga di attaccarli si infittisce.

Nella tarda mattinata del 23 aprile un messaggio su Facebook lascia intendere, ad una prima lettura, un mea culpa da parte di una cittadina che, invece, indignata e arrabbiata si assume la responsabilità solo dei cartelli appesi vicino ai rifiuti appesi alle piante di via Finzi. «Sono una Gev, guardia ecologica volontaria, del Parco del Mincio e avevo fatto il corso organizzato a Castiglione dalla passata amministrazione – spiega Raffaella Bolzoni – passo spesso per quella via e solitamente raccoglievo le borsine abbandonate e le portavo all’Indecast. Tuttavia, da quando sono appese, mi sono stufata. Di essere presa in giro non mi va e così, a mie spese, ho attaccato i cartelli, che ho firmato».

Rifiuti appesi a Castiglione, i cittadini: sono stati dei ragazzi I rifiuti appesi a Castiglione delle Stiviere fanno discutere i residenti e il mistero si infittisce (video Bruno)

I cartelli di Raffaella recitano: «Se abbandoni i tuoi rifiuti tu sei un rifiuto». La spiegazione sui social fa pensare, ad un prima lettura, che Raffaella sia l’autrice di quella che potrebbe essere una forma di protesta. Nei post la Gev spiega nel dettaglio come sono appesi i sacchetti: «Sono attaccati con un filo e un gancio di alluminio non facile da piegare a mano. Sono rifiuti generici, anche se ho notato che sono cambiati. I primi sacchetti, che ho raccolto, davano l’idea di qualcuno che faceva un trasloco. Ora, invece, quelli appesi, che non ho rimosso, sono pieni di umido, bottiglie e scarti alimentari».

Quanto afferma la Bolzoni è confermato anche dal sopralluogo che la Gazzetta ha fatto in zona industriale dove è apparso uno dei primi sacchi appesi che, rimosso, è stato messo accanto al sottopassaggio. Il sacco è rotto e dentro ci sono rifiuti misti quasi sicuramente scarti di una cena (umido, incarti per il pane, vasetti dello yogurt e bottiglie).

«Dato che sono una Gev, applicando la legge 156 del 2006 posso anche multare, se riesco a beccare sul fatto. Se mi date una mano ce la possiamo fare» lancia l’appello la Bolzoni.

Castiglione, ancora rifiuti appesi per protesta La Gazzetta sulle tracce degli autori della protesta (video Bruno)


Nel mentre il mistero dei sacchi appesi fa discutere in paese e al bar del parco, nell’ora dell’aperitivo, se ne parla. «Crediamo siano provocazioni, abbiamo visto le immagini su Facebook» dice un cliente. «Non conoscevo la cosa, ma come si fa? Sono davvero dei maleducati, speriamo li trovino perché la cosa mi spaventa» aggiunge un altro.

Luca Cremonesi
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro