Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un bonus per le imprese, meno tasse a chi si insedia

San Giorgio primo Comune a ricevere i fondi regionali per attrarre le aziende. Con 100mila euro taglio dei tributi. Arrivano mensa, nido e sportello dedicato

SAN GIORGIO DI MANTOVA. È San Giorgio il primo dei 12 Comuni mantovani che otterrà dalla Regione un finanziamento per rendere più attrattive le proprie aree industriali.

La firma è prevista il 16 maggio a Milano e consentirà di incamerare 100mila euro destinati a sgravi ed aiuti per chi insedierà attività economiche nel territorio. Fra le misure previste il rimborso di parte dei tributi (Tasi, Tari, Imu, Cosap), ulteriori sgravi per ogni assunto e soprattutto se si riapriranno aziende chiuse. ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN GIORGIO DI MANTOVA. È San Giorgio il primo dei 12 Comuni mantovani che otterrà dalla Regione un finanziamento per rendere più attrattive le proprie aree industriali.

La firma è prevista il 16 maggio a Milano e consentirà di incamerare 100mila euro destinati a sgravi ed aiuti per chi insedierà attività economiche nel territorio. Fra le misure previste il rimborso di parte dei tributi (Tasi, Tari, Imu, Cosap), ulteriori sgravi per ogni assunto e soprattutto se si riapriranno aziende chiuse. Inoltre il Comune si impegnerà a garantire misure di welfare aziendale (asilo nido, mensa, pronto soccorso, sportello bancomat) e creare l’ufficio “nuove attività imprenditoriali” ed un sito internet.

Le zone destinate ad essere utilizzate grazie alle leve economiche regionali e comunali sono in area Valdaro, in via della Libertà (area Aecoc1) ed a Mottella (edificio Italia3).

Il bando Attract, nato nel 2015 e firmato lo scorso anno, finanzierà quelle azioni che rendono il territorio più attraente per chi voglia fare investimenti ed aprire nuove aziende. San Giorgio ha oggi circa 600mila metri quadri di area produttiva disponibile a prezzi calmierati rispetto al mercato. Dall’altro lato ha contemporaneamente circa 700 inoccupati in cerca di lavoro su una popolazione di poco meno di 10mila abitanti.

«Abbiamo buone carte da giocare - ha detto l’assessore alle Attività produttive Alberto Germiniasi - a cominciare dalla presenza del casello autostradale dell’Autobrennero, alla ferrovia, alla vicinanza con il capoluogo».

Asset, che l’amministrazione giocherà su più fronti, allargando l’offerta delle proprie aree attraverso il marketing territoriale, anche all’estero.

L’offerta prevede il rimborso per 2 anni del 30% di Tari, Tasi e Cosap e dell’aliquota maggiorata Imu. Un aiuto iniziale al quale sia aggiungeranno un ulteriore taglio del 5% di tasse e tributi per ogni nuovo dipendente assunto e del 50% se si riutilizzerà un capannone dismesso da almeno sei mesi.

Sul fronte del welfare, il Comune si è impegnato fra l’altro a facilitare l’accesso ad asilo nido e scuole d’infanzia a tariffe agevolate a chi lavora a San Giorgio, ma non vi risiede e a realizzare una mensa aziendale collettiva. Infine sul fronte della pubblicizzazione dell’iniziativa, sarà creato in sito internet dedicato ed aperto uno sportello in Comune (referente Alessandro Calanca).