Quotidiani locali

acquanegra sul chiese

Tre incappucciati rubano in canonica

Acquanegra. Sorpresi dalla donna che fa le pulizie in parrocchia, la minacciano. Portano via soltanto tre orologi

ACQUANEGRA SUL CHIESE. Sono entrati in canonica dopo aver forzato la finestra, con la speranza di trovare una cassaforte. Hanno buttato all’aria tutto e non si sono fermati neanche quando la donna che si occupa delle pulizie li ha sorpresi.

Se ne sono andati con un magro bottino: tre orologi del valore di poco più di duecento euro. «Ma hanno ribaltato tutto e terrorizzato la signora» racconta il parroco, don Luigi Trevini.

La rapina è stata messa a segno ieri mattina verso le nove e mezza nella parrocchia di San Tommaso, in piazza ad Acquanegra da tre uomini con il volto nascosto dai cappucci. Dopo il colpo sono fuggiti facendo perdere le loro tracce.

Don Luigi era uscito da poco e in parrocchia apparentemente non c’era nessuno. I malviventi non avevano calcolato la presenza della donna che aiuta il parroco per la manutenzione e le pulizie. Sono riusciti ad entrare dopo aver spaccato la finestra, secondo la ricostruzione dei fatti di don Trevini.

Una volta dentro, hanno messo a soqquadro la canonica, frugando ovunque. «Secondo me pensavano che ci fosse una cassaforte con qualcosa di prezioso, perché hanno spostato anche i quadri e i mobili».

La loro speranza è stata delusa, come quella di poter agire indisturbati. Perché ad un certo punto, all’improvviso, è entrata in canonica la donna delle pulizie.

L’hanno bloccata immediatamente con le minacce: «Stai ferma e no chiamare nessuno. Questa è una rapina. Se fai quello che ti diciamo non ti succedere niente». La donna non ha potuto far altro che aspettare la fine del saccheggio.

Continuando a frugare dappertutto, hanno trovato e preso tre orologi piuttosto vecchi, il cui valore non supera di molto i duecento euro. Hanno preso soltanto quelli, lasciando al loro posto alcune macchine fotografiche, dei libretti postali, peraltro scaduti, ed altri oggetti che avrebbero potuto rivendere, come gli orologi.

«Non valevano tanto - assicura il parroco, dispiaciuto soprattutto per lo stato in cui ha trovato la canonica, «l’hanno ribaltata come un calzino, e la signora si è spaventata tantissimo».

È riuscita però a dare qualche indicazione che potrebbe essere utile per le indagini dei carabinieri, scattate subito ieri mattina. I tre, piuttosto giovani, erano italiani. Dalle poche parole che hanno pronunciato, le è sembrato di percepire un accento del Sud Italia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori