Quotidiani locali

Uil difende l’accordo Lidl «Cgil non dice la verità»

Il segretario della categoria Grieco: l’integrativo migliora le condizioni di lavoro Organizzata per il 31 un’assemblea aperta ai dipendenti dei market mantovani 

«Sulla questione Lidl dispiace che la Filcams Cgil faccia confusione e non dica la verità sui temi che sono stati inseriti nel nuovo integrativo e nel nuovo walfare aziendale»: per difendere e spiegare i termini del duplice accordo raggiunto con l’azienda ai circa cento lavoratori dei supermercati Lidl disseminati per la provincia il segretario della Uiltucs Uil Daniele Grieco ha organizzato per il 31 maggio alle 21 nella sede della Uil (via Cremona 27) un’assemblea aperta a tutti i dipendenti della catena tedesca di discount. Un accordo che la Cgil non ha firmato e che contesta, come riportato nell’edizione di ieri della Gazzetta di Mantova, invitando i lavoratori a chiederne la non applicazione per tornare al tavolo delle trattative.

«Capiamo che non è mai bello giungere a una firma separata - aggiunge Grieco in risposta alla Cgil - ma nel contempo non è mascherando i dati di fatto con versioni non veritiere che ci si giustifica dal non aver firmato l’accordo». Insomma la Uiltucs mantovana è convinta «che sia stato fatto un buon lavoro, in un’azienda difficile e dove le condizioni devono essere ancora migliorate - aggiunge il sindacalista - ma se guardiamo da dove siamo partiti, forse possiamo dire che alcuni passi avanti, anche importanti, sono stati fatti. Poi tutto è migliorabile, ma siccome gli accordi devono essere condivisi, le cose non sono sempre così facili ed immediate da ottenere, e quello firmato ad oggi è stato il massimo che si poteva ottenere. Forse sarebbe stato meglio ottenerlo insieme, perché delle polemiche e delle posizioni non di merito della Filcams, le lavoratrici ed i lavoratori della Lidl sicuramente ne fanno anche a meno».

Insomma siamo davanti a una spaccatura del fronte sindacale sui contenuti del contratto integrativo e dell’accordo per il welfare. Accordi che secondo la Uil migliorano il reddito dei lavoratori e le condizioni di lavoro, facilitano la conciliazione vita lavoro, estendono a tutti un nuovo sistema welfare, aumentano la partecipazione alla vita dell’impresa e rafforzano il ruolo del sindacato. Ed ecco alcuni esempi a favore: «È stata definita la programmazione plurisettimanale del lavoro e viene confermato il pagamento a minuto per il lavoro straordinario e supplementare» il lavoro domenicale sarà «in via volontaria con una programmazione che garantisca una equa rotazione del personale» al part time sperimentale con l’incremento dell'orario settimanale «il lavoratore accederà volontariamente», infine il sistema welfare prevede «tutele per le unioni civili, il diritto all’aspettativa fino ad un anno di età del bambino, il congedo parentale a ore, l’aspettativa per malattie gravi e malattie dovute ad infortunio». (m.v.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori