Quotidiani locali

musica

I grandi cantautori italiani e la ricetta LiberaMente

Il duo è formato da Donata Luani (voce) e dal pianista Samuele Benatti. Esibizioni in teatri e ambienti raccolti, il repertorio è di alta scuola

MANTOVA. Davanti a un pubblico di cinquecento persone, l’anno scorso a Bologna a Palazzo Re Enzo, LiberaMenteDuo è stato protagonista di una serata dedicata ai cantautori bolognesi: Lucio Dalla, Gianni Morandi, Samuele Bersani, Luca Carboni, Raffaella Carrà. Da lì è nata l’idea si sviluppare il filone della canzone italiana d’autore, con nuove vene di interpretazione e arrangiamenti in un repertorio che va dal “Cielo in una stanza” di Gino Paoli alla “Donna cannone” di Francesco De Gregori, da “E se domani” di Mina a “Io che amo solo te” di Sergio Endrigo.

Ma l’omaggio alla canzone italiana va anche più indietro nel tempo: ai primi anni '50 con le stelle galeotte di “Un bacio a mezzanotte” di cui è meglio non fidarsi, allo swing degli anni '40, a “Parlami d’amore Mariù” del 1932. LiberaMenteDuo, formato da Donata Luani voce e Samuele Benatti pianoforte e tastiere, entrambi mantovani, unisce esperienze musicali che si alimentano a vicenda. Donata ha studiato canto lirico, è soprano, ha un background classico, interpreta musica da camera alternandola a quella pop, ha cantato in Svizzera, Francia, Polonia, Finlandia e i suoi riferimenti sono Maria Callas e Aretha Franklin.

Samuele, diplomato in pianoforte jazz al Conservatorio Campiani, sulla frequenza d’onda del rhythm and blues ha fatto sua la lezione di Ray Charles e Stevie Wonder, è insegnante a Mantova a “Consonanze” e a Lugagnano a “Born to Play” e svolge attività concertistica in Italia e all’estero, Svizzera, Slovenia, Bosnia. Uno dei risultati d’insieme è il soul, la musica dell’anima. LiberaMenterDuo agisce dentro un linguaggio musicale e una ricerca del suono, frutto di un’esplorazione senza sosta raggiunto in anni di studio e lavoro e dalla necessità morale, libera nelle sue espressioni, di amplificare esperienze e collaborazioni dando spazio anche all’improvvisazione solistica e collettiva. Fasi di sviluppo del duo sono infatti il trio e il quartetto, in formazione non classica, con interplay di strumenti, in equilibrio tra loro.

Con la voce di Donata Luani e le tastiere di Samuele Benatti entreranno in gioco – in estensione – il violoncello e il sax di Marco Remondini e la batteria di Enrico Truzzi. Uno degli obiettivi è l’interazione degli strumenti senza disporli su una scala gerarchica ma situandoli sul medesimo piano, considerando la voce uno strumento. Ognuno con la propria identità, Donata e Samuele creano forme artistiche che al suono e alla voce uniscono – con testi scritti insieme – “piccole storie” di presentazione dei brani musicali, collocandoli nel loro contesto storico. LiberaMente è dunque un luogo d’incontro aperto.

Oltre al pubblico dei teatri, LiberaMenteDuo è apprezzato in particolare da chi è orientato all’ascolto in ambienti raccolti: ristoranti, bar, pub. Il repertorio è, come abbiamo detto, quello dei grandi cantautori e interpreti della musica italiana: aggiungiamo Mia Martini e Luigi Tenco agli artisti già ricordati. Un repertorio proposto con rispetto filologico e di suono per inoltrarsi nel percorso intimo dei sentimenti, individuali e condivisi in ogni vissuto quotidiano, di ogni generazione.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro