Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sulle strade provinciali niente intesa in Regione

Il braccio di ferro fra l’assessore regionale e i presidenti provinciali si è concluso con un nulla di fatto

MANTOVA. Doveva essere un vertice per ratificare l’intesa che liberava 45milioni regionali da spendere sulle strade provinciali. In realtà il braccio di ferro fra l’assessore regionale Claudia Maria Terzi ed i presidenti provinciali si è concluso con un nulla di fatto. Troppo ampia ancora la distanza che separa le due istituzioni in merito ai criteri della ripartizione.

Per la giunta del governatore Attilio Fontana i 15 milioni l’anno per tre anni di contributo straordinario debbono ricompren ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANTOVA. Doveva essere un vertice per ratificare l’intesa che liberava 45milioni regionali da spendere sulle strade provinciali. In realtà il braccio di ferro fra l’assessore regionale Claudia Maria Terzi ed i presidenti provinciali si è concluso con un nulla di fatto. Troppo ampia ancora la distanza che separa le due istituzioni in merito ai criteri della ripartizione.

Per la giunta del governatore Attilio Fontana i 15 milioni l’anno per tre anni di contributo straordinario debbono ricomprendere anche l’area metropolitana di Milano, che da sola vale 1,7 milioni anno. Inoltre il fondo, che compensa la mancata partenza della società Regione-Anas, dovrà essere speso solo sulle strade più importanti, quelle ricomprese nell’accordo con Anas e che per la nostra provincia significano 200 km su 1.100, comprese Goitese, Sabbionetana, Ostigliese ecc. Le Provincie hanno invece chiesto fondi a parte per Milano e mano libera su dove spendere.

«La distanza fra noi e la Regione è ancora ampia – conferma il presidente provinciale Beniamino Morselli –. Secondo i nostri calcoli ,dal fondo regionale dovremmo avere un milione e 442mila euro l’anno per tre anni, ma se occorre finanziare anche l’area metropolitana di Milano questa cifra va ridotta di oltre il 10%». Mantova ha anche contestato alla Regione l’accusa di non spendere i proventi degli autovelox essendo invece fra le poche Province che hanno accordi sul tema con i Comuni. Il vertice è stato aggiornato a martedì quando si capirà se sono state trovate risorse aggiuntive, come chiesto anche da diversi consiglieri regionali, oppure se il fondo strade è, di fatto, blindato.