Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Magoni a spasso tra le bellezze mantovane: «Valorizzeremo il territorio»

L’ex campionessa di sci visita Palazzo Ducale, il Forte di Pietole e San Benedetto. «Nel governo abbiamo trovato un alleato con un occhio di riguardo per la città»

Mantova non è più Cenerentola o Bella addormentata. Ma non è ancora una principessa o una regina. Per l’incoronazione serve lungimiranza politica. C’è bisogno di investimenti, recuperare risorse e soprattutto fare rete su piattaforme come hanno fatto alcune città vicine, una per tutte Verona che sa proporsi e trabocca di turisti. Bisogna sensibilizzare Regione Lombardia non solo per la nostra città ma anche per realtà della provincia in pole position, pronte a lanciarsi in pista.

Pirellone se ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Mantova non è più Cenerentola o Bella addormentata. Ma non è ancora una principessa o una regina. Per l’incoronazione serve lungimiranza politica. C’è bisogno di investimenti, recuperare risorse e soprattutto fare rete su piattaforme come hanno fatto alcune città vicine, una per tutte Verona che sa proporsi e trabocca di turisti. Bisogna sensibilizzare Regione Lombardia non solo per la nostra città ma anche per realtà della provincia in pole position, pronte a lanciarsi in pista.

Pirellone sensibile ancor di più con la visita ieri dell’assessore al turismo, marketing territoriale e moda Lara Magoni in grand tour dalla mattina alla sera per incontri istituzionali. Il primo appuntamento a palazzo Ducale col direttore del Peter Assmann, a porte chiuse, ma non prima di qualche parola sulla sua presenza nella reggia dei Gonzaga perché «stando in ufficio a Milano – ha detto – non è possibile conoscere bene il territorio». Ovvero realtà non proprio dietro l’angolo ma allo stesso tempo non distanti, con il ministro del turismo e beni culturali Alberto Bonisoli, mantovano di Castel d’Ario, che da Roma ha «un occhio di riguardo per Mantova» ha ribadito Magoni, aggiungendo che «la Regione ha trovato nel nuovo governo un alleato per valorizzare le potenzialità del territorio mantovano, la sua vocazione turistica, anche enogastronomica, guardando al cicloturismo». Ad accompagnare l’assessore c’erano la consigliera regionale Barbara Mazzali, il responsabile del progetto Parco Forte di Pietole, Stefano Mangoni, insieme a Elga Gazzoli del settore cultura di Borgo Virgilio (nel team anche l’ingegnere Pier Giuseppe Bardi, dell’ufficio tecnico comunale). Verso mezzogiorno l’assessore Magoni ha fatto ricognizione al Forte. L’accordo tra il Comune di Borgo Virgilio e la Regione, per cui si è prodigato il sindaco Alessandro Beduschi, si concreterà nel museo multimediale Virgilio, nel parco letterario e nel museo diffuso su tutta la provincia attraverso reti ciclabili con percorsi dedicati al Poeta: comuni di San Giorgio, Curtatone, Porto Mantovano e Bagnolo San Vito, partner il Parco del Mincio e l’Accademia Nazionale Virgiliana. È qui vivo l’interesse del ministro Bonisoli.

Borgo Virgilio partecipa al bando Cariplo per progetti emblematici: i lavori dovrebbero iniziare in gennaio e concludersi nel giro di tre anni. Anche nel caso del Forte di Pietole è necessario fare rete con gli altri forti, per esempio quello di Borgoforte: si sta lavorando al Museo del Serraglio mantovano, l’apertura è prevista per il 20 ottobre. A metà pomeriggio l’assessore ha fatto tappa a San Benedetto Po per una visita guidata al complesso monastico di Polirone, con successivo tavolo istituzionale sullo sviluppo turistico dell'Oltrepò coi rappresentanti di una ventina di comuni. Infine Lara Magoni ha portato il suo saluto alla kermesse “Sportweek”: non va dimenticato che è stata campionessa di sci con partecipazione a cinque Mondiali e a tre Olimpiadi. (Gilberto Scuderi)