Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sospesa l’intesa con Canneto per l’ufficio tecnico unico

Il responsabile si era dimesso ma poi ha ritirato l’atto Le amministrazioni cercano un accordo per risolvere il pasticcio

Acquanegra sul chiese. Il responsabile del settore tecnico del Comune di Acquanegra, Mauro Perini, da quasi 40 anni pilastro dell’ufficio, deposita il 10 di luglio la domanda di dimissioni a far data dal 5 di agosto. Perini è anche responsabile dell’ufficio unico con Canneto sull’Oglio, istituito nel 201 per venire incontro all’obbligo di legge dei servizi associati nei piccoli Comuni. La giunta, lo stesso 10 luglio, sente il parere del Commissario prefettizio che regge Canneto e in serata s ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Acquanegra sul chiese. Il responsabile del settore tecnico del Comune di Acquanegra, Mauro Perini, da quasi 40 anni pilastro dell’ufficio, deposita il 10 di luglio la domanda di dimissioni a far data dal 5 di agosto. Perini è anche responsabile dell’ufficio unico con Canneto sull’Oglio, istituito nel 201 per venire incontro all’obbligo di legge dei servizi associati nei piccoli Comuni. La giunta, lo stesso 10 luglio, sente il parere del Commissario prefettizio che regge Canneto e in serata si riunisce decidendo di sospendere la funzionalità dell’ufficio con Canneto, dando libertà a ciascuno dei due Comuni contraenti «di nominare disgiuntamente il responsabile di servizio».

Senonché Perini ci ripensa e ritira le dimissioni, tornando regolarmente al lavoro. Trovando una situazione cambiata rispetto a pochi giorni prima. Il suo ruolo ad Acquanegra è stato affidato ad un altro dipendente e l’intesa con Canneto è sospesa. Un pasticcio, insomma, che non sarà facile sbrogliare.

«Noi ci siamo basati su una lettera di dimissioni - spiega il sindaco di Acquanegra, Monica De Pieri - Non potevamo fare diversamente, essendo legati a doppio filo con Canneto. Il ripensamento del dipendente crea una situazione complessa e delicata che stiamo cercando di sbrogliare. Di più non posso dire per ora».

Il dipendente è stato convocato per martedì a colloqui assieme al segretario comunale, Giuseppe Capodici. Si tratterà di capire se le dimissioni sono irrevocabili, e in quel caso il 5 di agosto il dipendente dovrà lasciare il suo ruolo, oppure, come sostiene Perini, no.

Pesa nella vicenda anche un provvedimento disciplinare, una sospensione dal servizio, per una vicenda del 2015 relativi a una richiesta di pagamento di 240mila euro fatta dalla ditta che bonificava le Valli di Mosio, la Agrideco, poi finita in concordato.

Il caso arriverà martedì nell’aula consiliare sollevata dall’ex sindaco Erminio Minuti. —

FRANCESCO ROMANI. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.