Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Obiettivo-turismo: la visita al castello diventa multimediale

Nuovissima dotazione di totem, audioguide e codici Qr E all’ingresso ci sono i video per chi non ha lo smartphone

REDONDESCO. La visita al castello di Redondesco non è mai stata così facile e interessante. Merito della nuovissima dotazione di totem, audioguide, codici Qr (Quick response) collegati a contenuti multimediali e ancora pannelli didascalici, depliant, plastici, teche, insomma uno schieramento di mezzi che offrono al turista un’accoglienza e un supporto formidabile per apprezzare la storia e le caratteristiche di questa splendida fortificazione e del territorio circostante.

L’amministrazione F ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

REDONDESCO. La visita al castello di Redondesco non è mai stata così facile e interessante. Merito della nuovissima dotazione di totem, audioguide, codici Qr (Quick response) collegati a contenuti multimediali e ancora pannelli didascalici, depliant, plastici, teche, insomma uno schieramento di mezzi che offrono al turista un’accoglienza e un supporto formidabile per apprezzare la storia e le caratteristiche di questa splendida fortificazione e del territorio circostante.

L’amministrazione Facchinelli continua nel suo impegno di recupero del castello e i risultati di tanta dedizione e di tanti investimenti, bando dopo bando, si stanno traducendo in una migliore organizzazione e in un sempre crescente numero di visitatori. Dopo aver restaurato e messo in sicurezza la torre d’ingresso, il suo interno, il rivellino e gli ambienti del corpo di guardia; dopo aver recuperato e riqualificato l’ex Casa del Fascio, con i suoi suggestivi sotterranei in cotto, rinnovata l’illuminazione esterna al castello, gli amministratori si sono preoccupati di migliorarne l’accesso e la visita, attraverso un’operazione che rappresenta un’efficace promozione del territorio.

In tempi abbastanza brevi il Comune ha provveduto a quanto serve al visitatore per essere guidato a conoscere e valorizzare nel modo migliore il bene artistico o architettonico che si trova di fronte.

Prendiamo ad esempio i codici Qr: basta avvicinarsi con il cellulare a una delle targhe con i codici poste sulle mura merlate, sul municipio o sulla torre e, senza digitare alcunché, si riceve un’esauriente illustrazione, anche in inglese, di quella particolare architettura.

Per quanti hanno più difficoltà a destreggiarsi con gli smartphone e le nuove tecnologie, ci sono dei bellissimi video collocati nell’ingresso che raccontano ogni cosa con voce e immagini. E infine per quelli che amano leggere ci sono diversi pieghevoli e pannelli didascalici in grado di soddisfare anche gli interrogativi dei più curiosi. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.