Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Casa di riposo eco-piazzola e vigili urbani: seduta accesa

ACQUANEGRA SUL CHIESEScintille al consiglio comunale di Acquanegra sul Chiese, convocato nel tardo pomeriggio di ieri, in seduta straordinaria, al teatro comunale di via Canneti. Ad accendere la...

ACQUANEGRA SUL CHIESE

Scintille al consiglio comunale di Acquanegra sul Chiese, convocato nel tardo pomeriggio di ieri, in seduta straordinaria, al teatro comunale di via Canneti. Ad accendere la discussione soprattutto il pacchetto di interpellanze e interrogazioni presente dai gruppi consiliari di minoranza. Tre i temi più caldi. In testa la questione della casa di riposo “Ricciardelli”. Di quest’ultima si discute da inizio anno, cioè da quando è emerso che il Comune sta valutando l’ipotesi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ACQUANEGRA SUL CHIESE

Scintille al consiglio comunale di Acquanegra sul Chiese, convocato nel tardo pomeriggio di ieri, in seduta straordinaria, al teatro comunale di via Canneti. Ad accendere la discussione soprattutto il pacchetto di interpellanze e interrogazioni presente dai gruppi consiliari di minoranza. Tre i temi più caldi. In testa la questione della casa di riposo “Ricciardelli”. Di quest’ultima si discute da inizio anno, cioè da quando è emerso che il Comune sta valutando l’ipotesi di affidarne la gestione a un’azienda speciale. Per questo motivo la maggioranza aveva incaricato lo studio Cda di Mantova di preparare uno studio di fattibilità. La cosa allarmò subito l’ex sindaco Erminio Minuti, che accusò l’amministrazione di volersi disfare della casa di riposo che pure dava utili al municipio. «Da allora è passato mezzo anno – aggiunge ora Minuti – e nulla è cambiato, se non il fatto che questo limbo ha reso necessarie già due proroghe della precedente gestione».

Altra questione, la gestione della piazzola ecologia, «che nel giro di breve tempo – registra sempre Minuti – ha visto un rapido cambio di cooperative, con la prima delle due che si è vista togliere e restituire l’incarico nel giro di pochi giorni, forse per accontentare qualcuno nella maggioranza».

Infine, la questione della convenzione per la polizia locale associata dei Fiumi e delle Torri, attraverso la quale Acquanegra faceva squadra dal 2015 con Asola, Canneto, Gazoldo, Mariana e Piubega.

La convenzione è andata in tilt (Acquanegra ne è uscita), dopo la rottura sulla questione scout speed, l’autovelox mobile in uso agli agenti. «Adesso – dice Minuti – il problema è che dopo la rottura dell’accordo, ci troviamo con pochissimi vigili a dover gestire una gran mole di verbali, e con il problema di dover restituire migliaia di euro di contributi che avevamo ottenuto proprio grazie alla convenzione di polizia locale». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI