Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Una mostra ad Asola per rivivere l’800 con l’arte raffinata di Virgilio Ripari

Dal classicismo accademico ai precursori della Scapigliatura Al museo civico Goffredo Bellini un percorso di ampio respiro 

ASOLA. Una mostra prestigiosa per commemorare un concittadino illustre. È quella su “Virgilio Ripari (1843-1902). Un pittore a Milano nel secondo Ottocento”, voluta dal Comune di Asola, curata da Gianluca Bottarelli, Vincenzo Denti e Mario Lazzari che si terrà da sabato 27 ottobre a domenica 27 gennaio 2019 al primo piano del Museo civico “Goffredo Bellini”.

La grande sala centrale sarà il nucleo principale della mostra con le opere del Ripari, mentre le altre sezioni verranno distribuite nel ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ASOLA. Una mostra prestigiosa per commemorare un concittadino illustre. È quella su “Virgilio Ripari (1843-1902). Un pittore a Milano nel secondo Ottocento”, voluta dal Comune di Asola, curata da Gianluca Bottarelli, Vincenzo Denti e Mario Lazzari che si terrà da sabato 27 ottobre a domenica 27 gennaio 2019 al primo piano del Museo civico “Goffredo Bellini”.

La grande sala centrale sarà il nucleo principale della mostra con le opere del Ripari, mentre le altre sezioni verranno distribuite nelle sale adiacenti. Le opere selezionate per l’esposizione saranno concesse in prestito in parte da istituzioni pubbliche ed in parte da collezionisti privati. Il catalogo sarà stampato dal Comune e riporterà saggi di tema storico artistico e tecnico, nonché la riproduzione a colori di ogni opera esposta. La prima sezione sarà dedicata ai maestri dell‘800 lombardo e ai pittori che furono maestri del Ripari all’Accademia di Brera. Verranno esposte opere degli ultimi grandi esponenti del classicismo accademico come Hayez, Bertini, Casnedi, Trecourt, Morelli, Diotti e Scuri. La seconda sezione sarà dedicata ai precursori del movimento della Scapigliatura. Si esporranno opere di artisti come Giovanni Canovali detto Il Piccio, Federico Faruffini e Filippo Carcano. La terza sezione sarà dedicata al panorama artistico milanese nel periodo di attività di Virgilio Ripari.

Verranno esposte anche opere di: Cremona, Ranzoni, Conconi, Fontana, Bignami, Bianchi, Didioni, Pagliano, Bazzaro, Gola, Rossi, Previati, Emilio e Baldassare Longoni, Rietti, Filippini e Mariani. La quarta sezione costituirà il nucleo centrale della mostra, dove si potranno ammirare le opere di Virgilio Ripari, con una ricca rappresentanza di tutti i soggetti e tematiche cari all’artista.

Durante il periodo della mostra sono previste attività collaterali e conferenze a tema, inoltre verranno organizzate visite guidate per gruppi e scolaresche. Completa questa proposta culturale il supporto didattico, costruito ad hoc per tutte le fasce di età scolare e curato dal personale del Museo, con anche laboratori.

Ripari nacque a Bozzolo. La famiglia si trasferì ad Asola quando Virgilio aveva dieci anni. Qui trovò lavoro come verniciatore. Qualcuno si accorse delle sue eccezionali doti di disegno e così fu iscritto all’Accademia di Brera a Milano, dove studiò grazie ad una borsa di studio del Comune di Asola con l’allora sindaco Andrea Terzi.

Nel 1866 Ripari decise di arruolarsi con Garibaldi e partecipare alla III Guerra d’Indipendenza combattendo in Trentino, dove si guadagnò anche una medaglia per aver salvato la vita ad un compagno a Bezzecca. Al termine della guerra tornò a Milano per intraprendere la carriera di artista. La sua breve e fortunata attività si deve all’apprezzamento dei contemporanei, in una Milano che era tra le città più dinamiche d’Europa.

L’esposizione, verrà inaugurata sabato 27 ottobre in concomitanza con l’Antica Fiera dei Morti, evento che registra ogni anno grande affluenza di pubblico. —

Marialuisa Rancati

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI