Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Un salasso da 50 milioni l’anno per lo stop a Casalmaggiore

il dossiercasalmaggiore (CR)Quanto costa la chiusura totale al traffico di un ponte sul Po? A provare a fare una stima l’Istituto superiore per la ricerca, la statistica e la formazione Eupolis...

il dossier

casalmaggiore (CR)

Quanto costa la chiusura totale al traffico di un ponte sul Po? A provare a fare una stima l’Istituto superiore per la ricerca, la statistica e la formazione Eupolis Lombardia che nel 2013 ha messo a disposizione della Regione la propria relazione “Valutazione del ciclo di vita delle infrastrutture sensibili con selezione degli interventi necessari”. Una relazione, aggiornata nel 2016, tornata d’attualità in questi giorni dopo la tragedia del crollo del ponte auto ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

il dossier

casalmaggiore (CR)

Quanto costa la chiusura totale al traffico di un ponte sul Po? A provare a fare una stima l’Istituto superiore per la ricerca, la statistica e la formazione Eupolis Lombardia che nel 2013 ha messo a disposizione della Regione la propria relazione “Valutazione del ciclo di vita delle infrastrutture sensibili con selezione degli interventi necessari”. Una relazione, aggiornata nel 2016, tornata d’attualità in questi giorni dopo la tragedia del crollo del ponte autostradale della A 10 sul torrente Polcevera, a Genova.

Lo studio analizza la “durata residua di vita” dei ponti sul Po in calcestruzzo che saranno inutilizzabili mediamente a partire dal 2035 in avanti. Le condizioni migliori sono state riscontrate nel ponte di Ostiglia (ricostruito nel 1949), “attenzionati” quelli di Casalmaggiore (1955) e Borgoforte (1963). Condizioni peggiori sono quelle dei ponti di Guastalla (1965), Viadana (1965) e Sermide (1971). Il peggiore è quello di San Benedetto Po (1964). Lo studio analizza quindi i retroterra economici ed i volumi di traffico per dare un’indicazione di massima del valore “prodotto” dall’attraversamento del ponte e dei costi di una eventuale chiusura.

I dati indicano un maggiore esborso di 150mila euro al giorno per Casalmaggiore (oltre 50 milioni in un anno), 125mila Viadana, addirittura 270mila per Borgoforte, 70mila per San Benedetto Po, 115mila per Ostiglia e 100mila per quello di Sermide. —

FR.R.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI