Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ora il parco giochi è dedicato a Giorgia Festa tra le lacrime

Taglio del nastro al giardino di via Dalla Chiesa dopo i lavori È stato intitolato alla bimba uccisa a due anni da una lastra

Acquanegra sul Chiese

La commozione dei grandi e la gioia dei piccoli. Dopo un mese e mezzo di lavori, ieri pomeriggio ha riaperto il parco giochi di via Dalla Chiesa. Più che di una riapertura si è trattato di un’inaugurazione vera e propria, nel nome di Giorgia Giulia Salami, la bimba di due anni e mezzo uccisa nel settembre 2008 dalla caduta di una lastra di ferro mentre si trovava nel cortile dell’azienda di famiglia. La partecipazione è stata grande, così come l’emozione che ha colto il ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Acquanegra sul Chiese

La commozione dei grandi e la gioia dei piccoli. Dopo un mese e mezzo di lavori, ieri pomeriggio ha riaperto il parco giochi di via Dalla Chiesa. Più che di una riapertura si è trattato di un’inaugurazione vera e propria, nel nome di Giorgia Giulia Salami, la bimba di due anni e mezzo uccisa nel settembre 2008 dalla caduta di una lastra di ferro mentre si trovava nel cortile dell’azienda di famiglia. La partecipazione è stata grande, così come l’emozione che ha colto il sindaco Monica De Pieri al momento del discorso che ha anticipato il taglio del nastro, fatto dal primo cittadino insieme ad alcuni bambini, all’assessore Carlo Tosi, ai consiglieri Sandra Accini, Simone Bardini e Massimo Gennari, e a una folta rappresentanza della Lega, giunta con il parlamentare Andrea Dara.

La tragica scomparsa di Giorgia aveva sconvolto l’intera comunità e a dieci anni di distanza dalla tragedia in tanti hanno applaudito con gli occhi lucidi quando è stato scoperto il cartello all’ingresso con la scritta “Parco Giochi Giorgia”. «Si chiama semplicemente così perché tutti i bambini del mondo si chiamano solo per nome - ha spiegato il sindaco -. Lei è il simbolo di tutti i bimbi che ci hanno lasciato. Ma non vogliamo solo ricordare la sua scomparsa. Dare nuova vita a questo parco è stato per noi come dare a Giorgia la possibilità di giocare ancora».

«Sono papà di un bimbo di 3 anni e di una bimba di 5 - ha commentato Dara - conosco l’importanza che hanno strutture come queste. Credo che il Comune abbia avuto un’ottima idea». I lavori, per una spesa prevista di circa 70 mila euro, sono stati eseguiti d’estate perché il periodo in cui l’area è più frequentata è quello scolastico: i bambini ci vengono appena finite le lezioni. È stata installata una recinzione in legno, rimosso il vecchio manto erboso e livellato il terreno, dopodiché è stato posato un nuovo prato in sintetico, installate piastre antitrauma e messi nuovi giochi per tutte le età, tra cui tre inclusivi. «In particolare il nuovo fondo - ha sottolineato il sindaco - aumenta la sicurezza e impedisce la formazione di fango quando piove». —

MARIA LUISA RANCATI

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI