Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Contesa tra Commessaggio e Gazzuolo per la prima elementare

 Pochi remigini per fare due prime, e due paesi che si contendono l’unica classe che partirà. Un braccio di ferro che va avanti da un paio di mesi

GAZZUOLO/COMMESSAGGIO. Pochi remigini per fare due prime, e due paesi, Gazzuolo e Commessaggio, che si contendono l’unica classe che partirà. Un braccio di ferro che va avanti da un paio di mesi, e che, visto l’avvicinarsi del suono della prima campanella, dovrebbe terminare questa settimana. Forse già domani, lunedì 27 agosto, con una riunione del consiglio d’istituto del comprensivo di Sabbioneta, chiamato in causa già agli inizi di agosto per scegliere i criteri da applicare per individua ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

GAZZUOLO/COMMESSAGGIO. Pochi remigini per fare due prime, e due paesi, Gazzuolo e Commessaggio, che si contendono l’unica classe che partirà. Un braccio di ferro che va avanti da un paio di mesi, e che, visto l’avvicinarsi del suono della prima campanella, dovrebbe terminare questa settimana. Forse già domani, lunedì 27 agosto, con una riunione del consiglio d’istituto del comprensivo di Sabbioneta, chiamato in causa già agli inizi di agosto per scegliere i criteri da applicare per individuare il plesso scolastico.

Inizialmente la classe prima era stata assegnata a Commessaggio, ma dopo una riunione con il provveditore era stata riassegnata, privilegiando questa volta Gazzuolo con la sua sede di Belforte. Fino a un ultimo cambio di rotta: la dirigente scolastica ha rimesso la decisione al consiglio d’istituto, che ha dovuto votare a maggioranza i criteri per la scelta. Tra questi l’esistenza di una scuola per ogni comune (Commessaggio ha soltanto le elementari) e un piano formativo diversificato (a Commessaggio c’è la settimana breve). Criteri che hanno spostato la decisione e fatto sì che si tornasse alla sede iniziale: Commessaggio.

«La classe è già stata assegnata a Commessaggio – commenta il sindaco Alessandro Sarasini - con 19 bambini, otto dei quali arrivano da Gazzuolo. Il vero problema, però, non è questo. È la mancanza di bambini. Invito, quindi, gli amministratori vicini a fare un ragionamento lungimirante sul futuro e cominciare a pensare alla riconversione dei plessi scolastici». Non ci sarebbe, però, nessun provvedimento formale ad attestare l’aggiudicazione. E c’è, soprattutto, un ultimo nodo da sciogliere, che ha anche riflessi legali: alla prima di Belforte è iscritto un bambino con disabilità certificata e il provveditore avrebbe espresso un parere non vincolante chiedendo al consiglio d’istituto di rivedere la propria decisione per consentire al bambino di frequentare la scuola vicino a casa.

C’è una soluzione, proposta da un gruppo di genitori di Gazzuolo, che potrebbe mettere d’accordo tutti: la creazione di due pluriclassi nei due plessi scolastici. Due classi con bimbi di diversa età che condividerebbero materie come religione, educazione artistica e motoria, per poi dividersi durante le altre lezioni. Servirebbe, però, qualche risorsa in più. —