Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’omelia di Mazzolari diventa opera teatrale

BOZZOLO Una delle più intense omelie di don Primo Mazzolari pronunciata il giovedì santo del 1958 in chiesa parrocchiale “Anch'io voglio bene a Giuda”, torna sul sagrato della chiesa, come spettacolo,...

BOZZOLO

Una delle più intense omelie di don Primo Mazzolari pronunciata il giovedì santo del 1958 in chiesa parrocchiale “Anch'io voglio bene a Giuda”, torna sul sagrato della chiesa, come spettacolo, col titolo “Nostro fratello Giuda” venerdì alle 21.

Ieri mattina è stato presentato in sala consigliare dal segretario della Fondazione Mazzolari Giancarlo Ghidorsi, dal sindaco Giuseppe Torchio, dagli attori Giuseppe Pasotti (Giuda) e Mario Bresciani (Pietro). Torchio ha commentato «che è una ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BOZZOLO

Una delle più intense omelie di don Primo Mazzolari pronunciata il giovedì santo del 1958 in chiesa parrocchiale “Anch'io voglio bene a Giuda”, torna sul sagrato della chiesa, come spettacolo, col titolo “Nostro fratello Giuda” venerdì alle 21.

Ieri mattina è stato presentato in sala consigliare dal segretario della Fondazione Mazzolari Giancarlo Ghidorsi, dal sindaco Giuseppe Torchio, dagli attori Giuseppe Pasotti (Giuda) e Mario Bresciani (Pietro). Torchio ha commentato «che è una fortuna poter contare sul teatro per far conoscere Mazzolari, già portato dallo stesso gruppo sulle scene con “Confiteor”.

Il primo anno si sono superati i 10mila pellegrini in Fondazione».

Il sindaco ha quindi ringraziato Ghidorsi per il lavoro realizzato anche grazie alla Fondazione Cariverona, Comune e Parrocchia; Giuseppe Pasotti per l’interpretazione del Giuda di Mazzolari e ha sottolineato l’importanza di un lavoro come questo, portato anche nel carcere di Brescia «per dare una speranza di redenzione».

La rappresentazione prende l'avvio nel villaggio dove sono attendati i 12 apostoli. Tra violenti scambi di accuse tra Giuda e Pietro, contrastanti sentimenti di odio, perdono, desiderio di giustizia, sarà la Misericordia (impersonata da Maddalena Ettori) a portare il pensiero di Mazzolari.

La rappresentazione è ancora curata dal nucleo del gruppo bresciano che ha portato sulle scene “Confiteor”, tratto dalla “Più bella avventura” di Mazzolari.

Autrice Maria Filippini, regista Giuseppe Pasotti, che è anche attore insieme a Maddalena Ettori, a Mario Pasotti (anche scenografo). —

A.P.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI