Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Comune investe sulla scuola e torna a richiedere la sede

Il sindaco Madeo: «Il centro del Comprensivo è il nostro istituto» Pronti i lavori di riqualificazione e la nuova strada d’accesso col parcheggio 



dosolo-san matteo

Il Comune di Dosolo investe sul polo scolastico e torna a chiedere con una delibera indirizzata alle istituzioni che hanno voce in capitolo di ritornare ad avere la sede del comprensivo, che dal 2007 è stata spostata a San Matteo delle Chiaviche. «La maggior parte degli studenti dell’istituto comprensivo è dosolese o di Pomponesco - spiega il sindaco Vincenzo Madeo - Lo spostamento della sede in una frazione viadanese è avvenuta solo per un accordo politico che vide l’ex si ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter



dosolo-san matteo

Il Comune di Dosolo investe sul polo scolastico e torna a chiedere con una delibera indirizzata alle istituzioni che hanno voce in capitolo di ritornare ad avere la sede del comprensivo, che dal 2007 è stata spostata a San Matteo delle Chiaviche. «La maggior parte degli studenti dell’istituto comprensivo è dosolese o di Pomponesco - spiega il sindaco Vincenzo Madeo - Lo spostamento della sede in una frazione viadanese è avvenuta solo per un accordo politico che vide l’ex sindaco Fabrizio Federici subordinato a Viadana. Ma la realtà dei fatti è un altra».

L’Istituto Comprensivo “Dosolo, Pomponesco. Viadana” ha oggi poco meno di 900 iscritti. Lo stesso numero dello scorso anno poiché a fronte del fenomeno delle mancate iscrizioni di figli di immigrati che sono ritornati nella madre patria non trovando più lavoro in zona, si è avuta una compensazione per spostamento di famiglie da Comuni vicini. Al punto che la secondaria di primo grado ha dovuto aggiungere un’aula in più. «Abbiamo una classe in più - spiega la dirigente scolastica Sandra Sogliani - e già lo scorso anno eravamo in sofferenza perché le aule sono necessarie per i tanti laboratori che facciamo. Il nostro istituto si caratterizza per avere un ampio tempo prolungato dove vengono svolte attività come danza, coreografia, musica, attività sportive e di manipolazione». L’aula in più sarà ricavata attraverso la suddivisione di spazi con pareti in cartongesso. I lavori sono ormai a buon punto e la nuova aula debutterà con l’inizio dell'anno scolastico il 12 settembre.

Servirà forse qualche giorno in più invece per completare il rifacimento dei muri perimetrali esterni della primaria di Dosolo, un lavoro da quasi 40mila euro affidato alla Gi Emme di Luzzara. «Sono lavori importanti - spiega il primo cittadino dosolese - perché si tratta del consolidamento di muratura che non ha fondamenta». Le opere non si fermano qui. «Abbiamo da anni un investimento notevole per la creazione della strada fra via Falchi e via Monteverdi - prosegue Madeo - Un bypass che consentirà di favorire accesso e deflusso al polo scolastico e che dedicheremo a don Quinto Leonardi. Siamo in dirittura d’arrivo e a breve ci sarà il collaudo. Lunedì poi inizieremo la costruzione del parcheggio da 80 posti che completerà la strada».

Il Comune a luglio è venuto in possesso dal demanio anche dell’ex casello idraulico di via falchi. «Uno spazio che possiamo destinare alle scuole, se ci sarà come auspichiamo il ritorno della sede del Comprensivo». Una richiesta già fatta in passato, ma mai approvata e che quest’anno non avrà il sostegno di un’analoga delibera di Pomponesco. —