Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mantova, i vent’anni della coop Ippogrifo: tre giorni di festa con i pazienti

Medici e operatori gestiscono tre comunità psichiatriche in convenzione col Poma. L'ospite più giovane ha 32 anni, il più anziano 73. «Ma l’età media si è abbassata»

MANTOVA. «Tutti i nostri ospiti hanno una chiave e qualcosa da esternare. La cosa più importante è trovare il modo di usarla per entrare in contatto con loro».

Una frase tanto semplice quanto vera che da sola racconta lo sforzo degli operatori della cooperativa Ippogrifo alla continua ricerca della serratura giusta per aprire un mondo blindato, apparentemente inaccessibile, fatto di lunghi silenzi e di sguardi che vanno oltre l’orizzonte.

La coop sociale, in convenzione con l’Asst Carlo Poma p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANTOVA. «Tutti i nostri ospiti hanno una chiave e qualcosa da esternare. La cosa più importante è trovare il modo di usarla per entrare in contatto con loro».

Una frase tanto semplice quanto vera che da sola racconta lo sforzo degli operatori della cooperativa Ippogrifo alla continua ricerca della serratura giusta per aprire un mondo blindato, apparentemente inaccessibile, fatto di lunghi silenzi e di sguardi che vanno oltre l’orizzonte.

La coop sociale, in convenzione con l’Asst Carlo Poma per la gestione di tre comunità psichiatriche che accolgono 35 pazienti inviati dal Dipartimento di Salute Mentale, compie 20 anni di vita. E “vent’anni fatti di persone” è lo slogan scelto dalla cooperativa per festeggiare i primi due decenni durante i quali nelle tre strutture è passato oltre un centinaio di persone. La tre giorni di eventi inizia oggi e termina domenica.

A 40 anni dalla legge 180 che ha chiuso i manicomi in Italia, la Ippogrifo soffia dunque sulle 20 candeline, proseguendo con altre interessanti iniziative programmate anche nel 2019, a vent’anni dall’apertura delle prime due comunità: la San Cataldo a Borgo Virgilio e Corte Maddalena a Curtatone, alle quali si è poi aggiunta Villa Angela a Mantova.

L’età degli ospiti varia dai 32 anni del più giovane ai 73 del più anziano, Francesco Galli, artista pittore con alle spalle mostre a Palazzo Ducale e a Palazzo Barolo a Torino e che per circa 20 anni ha vissuto anche all’ospedale psichiatrico di Dosso del Corso. Ma il trend degli ultimi anni vede in aumento l’ingresso di persone giovani, dai 24 ai 42 anni.

La cooperativa Ippogrifo, presieduta da Paolo Galeotti, si costitui ufficialmente il 9 ottobre 1998 ma iniziò l'attività vera nel 1999.

Sol.Co., insieme ai suoi operatori, agli obiettori di coscienza e in accordo con le famiglie, in particolare con l’associazione dei genitori Oltre la Siepe attiva dal 1996, decise di sostenere la nascita di una cooperativa la cui mission era quella di promuovere la salute mentale, riconoscendo la centralità della persona e condividendo la cultura dell’accoglienza e dell’integrazione.

Le attività principali sono l’agricoltura sociale con la società agricola Cencio Molle, cucina e benessere fisico. Ma anche gite e vacanze al mare oltre alle classiche terapie di gruppo e individuali gestite dai medici.

Ecco il programma della tre giorni. Oggi, 31 agosto, alla comunità San Cataldo alle 20.30 cocktail analcolico di benvenuto e alle 21 commedia dialettale con “I Bagai” dal titolo “Na ciavada fata ben”. Sabato primo settembre alla comunità Villa Angela alle 18 “Storie di persone... e quelle persone potremmo essere noi” con la compagnia di teatro delle spontaneità Paolo Carrirolo. Poi apericena. Domenica 2 settembre a Corte Maddalena alle 18 messa celebrata da monsignor Paolo Gibelli; alle 19.30 risottata e alle 21 concerto d’autore, storie di vite e di canzoni con Daniele Goldoni e Massimo Minotti