Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Una bambola Furga degli anni Venti donata al Museo

CANNETO SULL'OGLIODomenica 30 settembre si terrà come tradizione in piazza Gramsci la Borsa scambio del giocattolo e modernariato. Un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del genere, ad...

CANNETO SULL'OGLIO

Domenica 30 settembre si terrà come tradizione in piazza Gramsci la Borsa scambio del giocattolo e modernariato. Un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del genere, ad iniziare dai collezionisti di bambole. Ebbene, per tutti loro è già pronta una chicca. È il nuovo arrivo al museo civico, che va ad impreziosire la collezione del giocattolo Luigi Superti Furga e che sarà visibile anche durante la Borsa Scambio.

Si tratta di una bambola in "biscuit" prodotta proprio a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CANNETO SULL'OGLIO

Domenica 30 settembre si terrà come tradizione in piazza Gramsci la Borsa scambio del giocattolo e modernariato. Un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del genere, ad iniziare dai collezionisti di bambole. Ebbene, per tutti loro è già pronta una chicca. È il nuovo arrivo al museo civico, che va ad impreziosire la collezione del giocattolo Luigi Superti Furga e che sarà visibile anche durante la Borsa Scambio.

Si tratta di una bambola in "biscuit" prodotta proprio a Canneto negli anni Venti e proveniente dalla provincia di Grosseto. Il giocattolo è stato donato dalla famiglia Parrinelli di Follonica. La Ceramica Furga nasce a Canneto intorno al 1922 e inizia a produrre teste in biscuit, piccole bambole e pupazzetti in tutto-biscuit avvalendosi però di tecnici tedeschi. La produzione di teste e bambole continuò, da parte della storica industria cannetese, sino alla metà degli anni ‘30, affiancata da altre, meno costose come la cartapesta e diverse composizioni. Nelle bambole Furga con testa in biscuit come l'ultima arrivata al Museo, il busto è in cartapesta, gli arti sono in legno, gessato e dipinto, con giunti sferici per le articolazioni alle spalle, ai gomiti, alle anche ed alle ginocchia.

Le mani, che in alcuni esemplari presentano uno snodo ai polsi, sono in composizione, mentre i piedi sono in cartapesta e composizione. Le varie parti del corpo sono tenute insieme da una serie di elastici. Che quella dai capelli dorati in mohair, tornata a Canneto dopo quasi un secolo, sia una bambola Furga originale è certo. A scansare i dubbi di chi magari non è un profondo conoscitore dell'universo del giocattolo storico è il marchio di fabbrica "Furga Canneto s.Oglio" che si trova sul retro della testa. È infatti quello tipico della Ceramica Furga a partire dal 1922, non vi è dubbio. Solitamente è seguito da numeri corrispondenti all’altezza della bambola finita. E sull'esemplare giunto da Follonica il numero è il 35. —

M.L.R.

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI