Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Delitto di Canneto, il destino l’ha strappata via: Paola è morta tra le sale che amava

I famigliari scelgono il riserbo per rispettare il ricordo. Ieri era il compleanno della figlia Giulia. È toccato proprio alla ragazza portare alla nonna la notizia della tragica scomparsa

CANNETO SULL'OGLIO. È morta nel museo che amava, che aveva contribuito a far crescere, che aveva studiato e coccolato. Una sua creatura che l’ha voluta con sé fino alla fine. Non c’è consolazione per i famigliari, gli amici e i tanti estimatori di Paola Beretta, 54enne uccisa sabato a fendenti di coltello da una donna che sarà sottoposta a perizia psichiatrica. Ma il fato ha voluto che la tragica fine sia avvenuta proprio nel luogo per il quale lei si era spesa. Ieri parenti e amici si sono ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CANNETO SULL'OGLIO. È morta nel museo che amava, che aveva contribuito a far crescere, che aveva studiato e coccolato. Una sua creatura che l’ha voluta con sé fino alla fine. Non c’è consolazione per i famigliari, gli amici e i tanti estimatori di Paola Beretta, 54enne uccisa sabato a fendenti di coltello da una donna che sarà sottoposta a perizia psichiatrica. Ma il fato ha voluto che la tragica fine sia avvenuta proprio nel luogo per il quale lei si era spesa. Ieri parenti e amici si sono recati nell’abitazione di via Garibaldi, 203 per portare conforto al marito Matteo Usberti e ai figli Lorenzo, Gabriele e Giulia, la primogenita che domenica 2 settembre ha compiuto gli anni. Un compleanno bagnato dalle lacrime e dall’incombenza più dura: dire all’anziana madre di Paola che la figlia è stata uccisa. Una verità che, viste le condizioni della donna, le è stata risparmiata il primo giorno, ma che è toccato alla nipote riportarle ieri.


 

La famiglia di Paola ha scelto di contenere il proprio dolore nel riserbo, oscurando anche la sua pagina Facebook. Una cosa accettata da tutti coloro che conoscevano la vittima e che hanno potuto apprezzarne le doti di mamma che ha cresciuto tre figli e di persona impegnata nel sociale, nella cultura, nella promozione del proprio paese. Per la famiglia non è possibile odiare nessuno per quanto accaduto, essendo stata un’esplosione di follia di una persona che in quel momento poteva colpire chiunque. Il destino ha scelto che proprio Paola, che non conosceva l’assassina, morisse sotto i suoi colpi.



Paola Beretta per i cannetesi è sempre stata una sorta di “istituzione”. Bibliotecaria, responsabile dei servizi sociali e di quelli culturali, animatrice e segretaria dell’associazione di volontari che si occupano del museo. Prima e meglio di tanti altri aveva capito l’importanza per la cittadino di non dimenticare il proprio passato, ma anzi di renderlo parte vivente a disposizione delle generazioni futuro. Da qui il suo impegno per il teatro Pagano, ma sopratutto per la collezione Giulio Superti Furga, unica nel suo genere in Italia che accoglie le collezioni di giocattoli antichi. Un museo ospitato in un edificio Ottocentesco in piazza Gramsci che accoglie dal ’94 le collezioni civiche. La Collezione del giocattolo è nata nel 1984 e si è negli anni arricchita di numerosi pezzi grazie a significative donazioni o prestiti.



Paola, grazie al suo impegno, era diventata nel tempo una delle maggiori esperte di bambole d’epoca del Nord Italia. Prestando servizio volontario prima in biblioteca e poi alla Pro Loco per tenere vive usanze, tradizioni e storia del paese. Aveva collaborato anche alla stesura dei Quaderni cannetesi. Era bibliotecaria e segretaria dell’associazione Gruppo del giocattolo storico, ha curato la collezione dei bozzetti di Mauro Pagano che si trova nell’omonimo teatro, era tra gli organizzatori della Borsa scambio del giocattolo e tra i curatori della collezione Mortara. —




BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI