Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ultimatum da Enel Sole. Il sindaco: pronti alla lotta nelle aule di tribunale

L’amministrazione di Rivarolo interviene in merito alla diffida con cui Enel Sole ha intimato al Comune di pagare entro un mese circa 250mila euro per la rete di illuminazione pubblica

RIVAROLO MANTOVANO. «L’amministrazione comunale non intende in alcun modo piegarsi passivamente alle richieste della società (Enel Sole, ndr) quanto piuttosto schierarsi a difesa degli interessi della comunità locale. Anche resistendo in giudizio». Così l’amministrazione di Rivarolo interviene in merito alla diffida con cui Enel Sole ha intimato al Comune di pagare entro un mese circa 250mila euro per la rete di illuminazione pubblica.

L’amministrazione ricostruisce la vicenda, che «prende av ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

RIVAROLO MANTOVANO. «L’amministrazione comunale non intende in alcun modo piegarsi passivamente alle richieste della società (Enel Sole, ndr) quanto piuttosto schierarsi a difesa degli interessi della comunità locale. Anche resistendo in giudizio». Così l’amministrazione di Rivarolo interviene in merito alla diffida con cui Enel Sole ha intimato al Comune di pagare entro un mese circa 250mila euro per la rete di illuminazione pubblica.

L’amministrazione ricostruisce la vicenda, che «prende avvio nel 2013 all’interno dell’articolata galassia Foedus, della quale Rivarolo faceva parte fino a tutto il 2016». Sottolinea che il riscatto è opera della precedente amministrazione, a differenza «dell’efficientamento realizzato di recente con l’affidamento a Soresina Servizi». Una questione, dunque, che «la giunta guidata dal sindaco Galli si è trovata a gestire tra le molte altre scottanti eredità amministrative».

«Il riscatto – aggiunge – prende avvio nel novembre 2013. Il Comune approvava la relazione tecnica e il censimento del “parco luci” da cui emergeva che il valore industriale dell’impianto. Secondo il consulente della Regione, decurtato delle obsolescenze e del valore di degrado, tale valore era di 64.894,40 euro a fronte del pagamento negli anni di affidamento del servizio per 464.297 euro. Di parere diverso l’Enel Sole che valutava l’impianto sui 250mila euro e dichiarava illegittima la procedura di riscatto. Nella primavera 2018 la legittimità del riscatto è stata riconosciuta dalla stessa Enel Sole che ha rinunciato al ricorso al Tar. Rimane la riserva sulla valutazione economica di Enel Sole». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.