Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Corrompono finanziere Faccendiere in manette

ASOLAAvrebbe corrotto un finanziere, attraverso un amico faccendiere, per conoscere lo stato di un'inchiesta che lo riguardava. Per questo Angelo Scaroni, imprenditore bresciano già finito nei guai...

ASOLA

Avrebbe corrotto un finanziere, attraverso un amico faccendiere, per conoscere lo stato di un'inchiesta che lo riguardava. Per questo Angelo Scaroni, imprenditore bresciano già finito nei guai nei mesi scorsi per truffa ai danni dello Stato nell'ambito dell'accoglienza dei profughi, è stato arrestato e si trova ora in carcere così come il faccendiere, un professionista residente ad Asola con interessi lavorativi nel bresciano, che aveva pronti gli assegni per la corruzione, e il finanzi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ASOLA

Avrebbe corrotto un finanziere, attraverso un amico faccendiere, per conoscere lo stato di un'inchiesta che lo riguardava. Per questo Angelo Scaroni, imprenditore bresciano già finito nei guai nei mesi scorsi per truffa ai danni dello Stato nell'ambito dell'accoglienza dei profughi, è stato arrestato e si trova ora in carcere così come il faccendiere, un professionista residente ad Asola con interessi lavorativi nel bresciano, che aveva pronti gli assegni per la corruzione, e il finanziere che avrebbe dovuto incassare il denaro.

Scaroni avrebbe voluto sapere a che punto era l'indagine che lo vede coinvolto sulla gestione dei profughi. Indagine che deve far luce su dove sia finito il denaro, oltre un milione di euro, che l'imprenditore avrebbe intascato dallo Stato senza però fornire agli immigrati i servizi previsti dalla legge. Gli arresti sono stati eseguiti ieri mattina dalla Guardia di Finanza e dalla Polizia di Brescia. Sono state le stesse Fiamme Gialle bresciane ad investigare il collega e ad arrestarlo dopo aver scoperto l’esistenza di un accordo corruttivo tra l’imprenditore, il faccendiere mantovano e il maresciallo già indagato dal luglio scorso e non più operativo. Degli ultimi due non sono state rese note le generalità. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI