Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Emissioni e salute dei bimbi. L’Ats: entro febbraio i risultati

L’azienda sanitaria rassicura sull’andamento dei lavori dell’indagine ambientale Un report questo mese, poi gli esiti saranno comunicati a sindaco e ambientalisti

VIADANA . «Indagine ambientale-epidemiologica “Viadana3”: l’andamento dei lavori è in linea col cronoprogramma stabilito dal protocollo».

La rassicurazione arriva da Ats Valpadana: «La prima fase dello studio prevedeva una rendicontazione dello stato di avanzamento entro settembre 2018, e il rilascio di dati preliminari entro febbraio 2019; pertanto a breve (entro i termini stabiliti) un primo report, attualmente in fase di completamento, sarà reso disponibile al sindaco di Viadana, quale mas ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIADANA . «Indagine ambientale-epidemiologica “Viadana3”: l’andamento dei lavori è in linea col cronoprogramma stabilito dal protocollo».

La rassicurazione arriva da Ats Valpadana: «La prima fase dello studio prevedeva una rendicontazione dello stato di avanzamento entro settembre 2018, e il rilascio di dati preliminari entro febbraio 2019; pertanto a breve (entro i termini stabiliti) un primo report, attualmente in fase di completamento, sarà reso disponibile al sindaco di Viadana, quale massima autorità sanitaria del Comune, e agli altri portatori di interesse, tra i quali le associazioni ambientaliste».

Il documento illustrerà il percorso con cui sono stati adeguati e affinati gli strumenti d’indagine. Era stata l’associazione “Noi, Ambiente, Salute” a chiedere notizie sullo stato di avanzamento dell’indagine, invocando massima trasparenza in proposito. Trasparenza che l’Agenzia per la tutela della salute ritiene salvaguardata: «La stesura del protocollo era stata preceduta da vari incontri con le associazioni ambientaliste, i sindaci dei Comuni interessati e le industrie di settore, i cui consulenti aziendali hanno avuto modo di esprimere il proprio punto di vista, oltre che da una discussione pubblica con la cittadinanza prima dell’avvio dei lavori. Solo a seguito del coinvolgimento dei diversi portatori d’interesse è stata infine avviata la ricerca, in esclusiva collaborazione coi nostri partner scientifici dell’università di Verona». L’attesa per gli esiti dello studio, volto a indagare il rapporto intercorrente tra condizioni di salute e stato dell’ambiente nel territorio, è certamente comprensibile.

«Alla buona conduzione del percorso – commentano i vertici Ats - contribuisce però anche un clima di motivata fiducia verso l’istituzione sanitaria». L’Agenzia ricorda che le fasi precedenti dell’indagine avevano contribuito ad arricchire la letteratura scientifica internazionale: «Uno standard non consueto per un Servizio sanitario territoriale».

Ats Valpadana ritiene opportune due precisazioni. La prima sulla metodologia d’indagine: «A differenza dello studio “Viadana1”, il “Viadana3” non si baserà più, come già illustrato in assemblea pubblica, sulla raccolta di dati sulla popolazione pediatrica tramite questionari compilati dai genitori. Le famiglie non verranno interpellate: ci si avvarrà invece dei dati sulle prestazioni sanitarie raccolti negli archivi informatizzati Ats, nonché della registrazione dei dati ambientali Arpa già nella nostra disponibilità». La seconda precisazione: «Gli esiti dell’indagine forniranno elementi utili sullo stato di salute della popolazione, e potranno supportare le scelte politiche di sviluppo del territorio. Ma non spetterà ad Ats, di assumere decisioni di competenza degli enti locali». —

 BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.