Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Denuncia archiviata: stop al sindaco di Castelbelforte. Vince il consigliere ribelle

Vanni Mantovanelli

Il caso relativo ai volantini diffuso da Mantovanelli su tasse non riscosse dal Comune

CASTELBELFORTE. «Si tratta del legittimo esercizio del diritto di critica politica». Con questa motivazione, su proposta del pubblico ministero Alberto Sergi, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Mantova Gilberto Casari, ha archiviato nelle corse settimane l'esposto presentato a suo tempo dal sindaco Massimiliano Gazzani contro il suo ex assessore Vanni Mantovanelli.

Tutta la vicenda, sulla quale si è molto discusso in paese, inizia ai primi del 2017 quando Mantovanelli, us ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CASTELBELFORTE. «Si tratta del legittimo esercizio del diritto di critica politica». Con questa motivazione, su proposta del pubblico ministero Alberto Sergi, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Mantova Gilberto Casari, ha archiviato nelle corse settimane l'esposto presentato a suo tempo dal sindaco Massimiliano Gazzani contro il suo ex assessore Vanni Mantovanelli.

Tutta la vicenda, sulla quale si è molto discusso in paese, inizia ai primi del 2017 quando Mantovanelli, uscito dalla maggioranza dopo pochi mesi dalle elezioni per divergenze con il sindaco sulla gestione amministrativa del Comune, inondò il paese di manifesti denunciando il mancato introito di un milione di euro per tasse e imposte comunali non incassate.

Prese di mira il sindaco Gazzani e questi, di rimando, presentò un esposto alla Procura della Repubblica di Mantova contro Mantovanelli per diffamazione.

«Con i miei manifesti non feci altro che evidenziare ai miei concittadini la negligenza del sindaco nella gestione del cosa pubblica», sottolinea ora l’ex assessore, passato nel frattempo tra i banchi della minoranza consiliare.

Si è conclusa dunque con un nulla di fatto, dopo un anno e mezzo, la vicenda che ha visto e vede contrapposti il sindaco e il suo ex compagno di lista.

Mantovanelli, nel dirsi soddisfatto di come si è conclusa la vicenda, «vicenda sul cui esito non avevo alcun dubbio», prende di mira ancora il primo cittadino.

«Ancora una volta il sindaco Gazzani usa risorse del Comune, che è in difficoltà economica, per attaccare un suo avversario politico dimenticando che quanto pubblicato sui manifesti non era, e non è altro, che la verità in cui si trovano le casse comunali». —


BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI