Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nasce il Comune di San Giorgio Bigarello. Tre cittadini su quattro hanno detto sì

Il referendum ribalta il no di 5 anni fa. I sindaci: «Grande soddisfazione. La gente ha dato una prova di maturità»

SAN GIORGIO-BIGARELLO. I cittadini hanno deciso decretando la fusione per incorporazione facendo nascere il nuovo Comune di San Giorgio Bigarello. L’operazione non riuscita cinque anni fa per 65 voti, lo 0,7% dei votanti, ora si è completata. A favore della nascita del nuovo Comune si sono espressi 1.470 cittadini, il 73% dei voti validi contro i 545 (27%) dei no. Soddisfazione piena è stata espressa dai due sindaci che si sono spesi in questa sfida, mentre il Comitato del No non ha voluto r ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN GIORGIO-BIGARELLO. I cittadini hanno deciso decretando la fusione per incorporazione facendo nascere il nuovo Comune di San Giorgio Bigarello. L’operazione non riuscita cinque anni fa per 65 voti, lo 0,7% dei votanti, ora si è completata. A favore della nascita del nuovo Comune si sono espressi 1.470 cittadini, il 73% dei voti validi contro i 545 (27%) dei no. Soddisfazione piena è stata espressa dai due sindaci che si sono spesi in questa sfida, mentre il Comitato del No non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Alla conferma dell’esito è scoppiata una piccola festa a Bigarello, il Comune che cinque anni fa aveva fatto fallire il primo tentativo.

«Esprimiamo soddisfazione perché il risultato complessivo che è uscito ci dà ragione sulla proposta fatta ai cittadini - le prime parole a caldo del sindaco di San Giorgio Mauro Morselli -. Unico dispiacere la diminuzione del numero dei votanti a San Giorgio rispetto a cinque anni fa. Adesso per chi verrà dal prossimo anno quando si terranno le elezioni si aprono prospettive del territorio positive. Un risultato significativo perché mostra un’inversione di tendenza dei cittadini. Chi diceva che non valeva la pena di farli esprimere democraticamente, è stato smentito. Per noi è antidemocratico non fare votare la gente, non farla esprimere. E questa ne è la prova».



«Sono veramente contenta perché è stata una grande attestazione di maturità dei cittadini che hanno capito opportunità del nostro progetto - la dichiarazione di Barbara Chilesi, primo cittadino di Bigarlelo - . Ora i cittadini saranno ripagati perché aumenteranno i servizi ed i bilanci avranno più margini di manovra rispetto ai vincoli di oggi. La gente ci credeva. È stata una grande prova di maturità. Ora arriveranno i frutti».

Ora l’esito sarà inviato in Regione e dal primo di gennaio si avrà il Comune nuovo. Sindaco resterà Morselli sino al voto amministrativo di primavera e in giunta entrerà la Chilesi e un assessore di Bigarello».

Al voto si sono recati in 2027 sui 9.719 con diritto di voto, il 20,86%. Come nel 2013, molto diversa l’affluenza fra i due Comuni. Più sentita la votazione a Bigarello, dove si sono recati 890 votanti, pari al 51,3% degli elettori, contro i 1.137 di San Giorgio equivalenti al 14,37%.

A San Giorgio il sì ha stravinto con 993 voti (88,03%) contro 135 no (11,97% dei voti validi) oltre a 3 nulle e 6 bianche. Per quanto riguarda invece Bigarello nella sezione 2, quella di Stradella che anche cinque anni fa si era espressa per il sì hanno espresso validamente il voto 474 cittadini dei quali 283 hanno approvato la fusione (61,81%) contro 191 no (40,29%). Un differenziale di 92 voti che nella sezione 1, quella di Gazzo e delle parti più lontane da San Giorgio che 5 anni fa, con la propria forza contraria alla fusione la fece fallire per 65 voti su 2.700, invece ha risposto postivamente con 219 no (53%) contro 194 sì (47%). Complessivamente, nel Comune che era stato indicato più “a rischio” e che 5 anni fa non aveva consentito la fusione, il risultato è stato di 477 voti a favore (53,78%) contro i 410 contrari (46,22%) oltre a 2 nulle ed una bianca. —