Quotidiani locali

calcio

Stangata Roverbella. Match a porte chiuse per insulti razzisti

Seconda categoria. Offese dei tifosi contro l’arbitro di colore. La società si difende: «Clima caldo, ma nessun eccesso»

ROVERBELLA. Roverbellese sotto i riflettori, stavolta non per i risultati ottenuti sul campo. Il giudice sportivo ha deciso di stangare la società dopo gli episodi che hanno caratterizzato il finale di gara contro la Medolese. Partita persa dagli uomini di Girelli per 1-0 (rete di Bassi) con tante polemiche nei confronti della direzione di gara. L’arbitro dell’incontro, il signor Gabriel Aborisade della sezione di Mantova, non ha usato giri di parole nello stilare il referto post partita e il giudice sportivo ha deciso di infliggere alla società un’ammenda di 250 euro e la disputa di una partita a porte chiuse.

«Dagli atti ufficiali – si legge nel comunicato ufficiale – si evince che dal 10’ del secondo tempo fino ed anche dopo il termine della gara un gruppo di una decina di sostenitori della Roverbellese rivolgevano all'arbitro reiterate frasi offensive di stampo razziale a causa del colore della sua pelle. La richiesta dell’arbitro al capitano dello squadra di far cessare tali manifestazioni discriminatorie non aveva esito alcuno».

Il presidente Fabio Bonizzi
Il presidente Fabio Bonizzi

Un brutto colpo per la Roverbellese che però sta valutando la possibilità di inoltrare ricorso come spiega il presidente Fabio Bonizzi: «La contestazione nei confronti del direttore di gara c’è stata – conferma – ma io, che ero tra gli spettatori dietro una delle due porte, non ho sentito alcuna offesa razzista nei confronti dell’arbitro. La direzione non è stata positiva e sono volate parole grosse, ma ribadisco che io di insulti pesanti e discriminatori non ne ho sentiti». Sulla stessa lunghezza d’onda il tecnico Bruno Girelli: «L’arbitraggio è stato inqualificabile – sottolinea – e ha condizionato la partita. Ma ora sono ancora più deluso dopo questa sanzione. Il direttore di gara ha carta bianca e può scrivere nel referto tutto quello che vuole, anche cose non vere come i presunti insulti razzisti ricevuti». Secondo alcuni presenti qualche parola di troppo dalla tribuna è scappata, difficile però capire il peso delle offese. Quello che è sicuro è che la Roverbellese dovrà giocare il derby con la Pozzolese (in programma il 12 febbraio) senza alcun tifoso presente allo stadio. Per quanto riguarda i giocatori invece una giornata a Gallina, due a Motti.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik