Quotidiani locali

Altinier al Mantova: «Con il Padova per i tre punti»

Il bomber di Borgo Virgilio è già a quota 9 gol: «Ma questo Mantova ha ritrovato la grinta»

MANTOVA. Proprio mercoledì 15 Cristian Altinier ha compiuto 34 anni, sul campo d’allenamento del Padova con il quale è impegnato fino al giugno 2018. L’attaccante di Borgo Virgilio con la maglia del Mantova ha totalizzato 54 presenze e 7 gol fra il 2000 e il 2008 ed è il classico esempio di “nemo propheta in patria”, visto che i suoi successi sono giunti per la maggior parte fuori dalle acque del Mincio. E in terra veneta Altinier sta lottando per conquistare la serie B, con una squadra che è ricca di talenti e che è ritenuta fra le più forti del girone B.

«Abbiamo un allenatore serio e preparato - sottolinea l’attaccante - come Brevi, che ci sta facendo lavorare bene e che sa gestire al meglio le motivazioni psicologiche di ciascuno di noi. Brevi ama lavorare molto su questi aspetti e i risultati si vedono, credo che il nostro terzo posto attuale sia più che meritato oltre che rispondente agli sforzi e alle ambizioni della nostra società».

Altinier ha già messo a segno nove reti in questa stagione ed è sempre l’uomo più pericoloso dei biancoscudati: «Per me domenica sarà la classica sfida del cuore - spiega Altinier, già a segno al Martelli nel 3-1 dei biancoscudati lo scorso anno - fra l’altro contro uno dei miei idoli al Mantova come Cicco Graziani. Seguo sempre i biancorossi, sono sicuro che ci salviamo. A Mantova io ci sono cresciuto, dai Primi calci alla serie B, grazie alle partite giocate qui sono stato nella Nazionale di serie C, da qui sono partito per vincere parecchio come ho potuto fare ad esempio a Portogruaro. Ho saputo che il ds Pelliccioni non è più nell’organico, lo avrei rivisto molto volentieri».

Due parole sull’attuale mister del Mantova Altinier le spende volentieri: «Ciccio sta lavorando in maniera egregia, i risultati ottenuti fino a qui sono le prova delle sue qualità e sono convinto che domenica avremo una partita molto difficile. In primis perchè il Mantova merita molto di più di quanto ha avuto finora dalla classifica, poi perchè vedo che sta crescendo in maniera importante e infine perchè al Martelli è una squadra che sa dare soddisfazioni ai suoi tifosi».

Saranno molti anche i tifosi da Padova: «È diversa la situazione rispetto all’Euganeo, qui è la Te che predomina; è normale. Mi auguro che la correttezza regni sovrana e che la partita dia la possibilità alla gente di divertirsi. Non me la sento di dire come potrà finire, proprio perchè è una partita di grande importanza per tutte e due le squadre». Altinier non ha ancora deciso cosa farà una volta smesso col calcio giocato: «Mi piacerebbe poter insegnare il calcio che ho imparato, sarebbe bello e la categoria in cui lavorare non sarebbe di certo un problema».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare