Quotidiani locali

Vai alla pagina su Mantova calcio
Altro annuncio: «Un milione per l’Acm» 

Mantova Calcio

calcio

Altro annuncio: «Un milione per l’Acm» 

L’assemblea dei soci delibera l’aumento di capitale, ma non chiarisce da dove o da chi arriveranno i soldi necessari

MANTOVA. L’assemblea dei soci del Mantova ha deliberato: serve un aumento di capitale da un milione di euro. Da dove arriveranno i soldi? Da chi? E soprattutto, quando? Le risposte a queste domande al momento non ci sono. Con buona pace di chi ha a cuore le vicende biancorosse.
Si è conclusa ieri a Roma, nello studio legale Del Re, la due giorni di riunioni tra i soci dell’Acm. Chi si aspettava un gesto concreto da parte del presidente Marco Claudio De Sanctis e dei suoi compagni d’avventura è rimasto deluso: il comunicato apparso in serata sul sito del club non regala certezze sul futuro della società. Di fatto il club prende tempo, un altro mese circa, promettendo uno sforzo economico importante. Nulla di più.

Ma analizziamo nel dettaglio la nota. «L’assemblea dei soci - si legge - preso atto della situazione debitoria, nella piena volontà di garantire un futuro chiaro e competitivo al Mantova Fc, ha stabilito di procedere ad un aumento di capitale del valore di 1.000.000 di euro». E ancora: «L’assemblea dei soci a fronte del mancato completamento del pagamento di parte dei salari netti di gennaio e febbraio, nonché dei successivi maturandi, propone di procedervi entro e non oltre il prossimo 22 giugno attraverso il precedentemente citato aumento di capitale, oltre al reperimento di nuove sponsorizzazioni ed all’ingresso di nuovi soci».

Insomma, le intenzioni sono delle migliori e la società ha ben chiare quelle che sono le priorità: servono tanti soldi e gli stipendi vanno pagati. Così come è chiaro che il debito della società va ristrutturato. E anche su questo punto il comunicato diramato ieri è puntuale: «L’assemblea - si legge ancora nel comunicato diramato ieri - ha deliberato la ristrutturazione pluriennale dei debiti maturati dalle precedenti gestioni. Tale ristrutturazione verrà perfezionata nelle prossime settimane ed a tal proposito è stato dato mandato allo studio legale Fabiano De Santis di Roma, esperto in materia, di procedere in tal senso».

Detto delle promesse fatte ieri della dirigenza, resta la realtà dei fatti che racconta di un Mantova con appena sette calciatori sotto contratto per la prossima stagione, di una tifoseria che ha espresso più volte e in maniera netta il proprio disappunto per la gestione dei romani e di un futuro tutto da immaginare. Per quando riguarda i giocatori, tra l’altro l’esito dell’assemblea di Roma non ha inciso sulla volontà di procedere con la messa in mora in collaborazione dell’Associazione Italiana Calciatori.

Venendo alla tifoseria, dato per scontato che i post e i commenti dei social network non danno il polso della situazione, si può comunque affermare che le ultime mosse dei romani non siano state troppo apprezzate. Tanto per fare un esempio, le prime 15 reazioni al comunicato di ieri sulla pagina Facebook dell’Acm sono state tutte decisamente negative. La fiducia sembra ai minimi storici.
Non va dimenticato poi che il 23 maggio, giorno in cui la Covisoc sarà a Mantova per controllare il bilancio dell’Acm, si avvicina ad ampie falcate. Gli ispettori toccheranno con mano ciò che da tempo è risaputo: le casse biancorosse piangono. Il tempo degli annunci è finito, ora le buone intenzioni devono lasciare il posto al vile denaro.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare