Quotidiani locali

Correa si ferma di nuovo Oggi l’ecografia alla coscia

Il centrocampista ha giocato 26’ del primo tempo nel provino a Roncoferraro poi la sospetta lesione all’adduttore, in dubbio la presenza col Montebelluna

MANTOVA. Il Mantova deve attendere la giornata odierna prima di sapere se potrà schierare Lucas Correa contro il Montebelluna nella sfida in programma domenica al Martelli alle 15. Il centrocampista italoargentino ha giocato per 26’ davanti alla difesa, dimostrando di essere il perno della squadra e l’uomno dispensatore di mille palloni, poi in un contrasto ha dovuto fermarsi per un problema all’adduttore della coscia sinistra, un muscolo e una posizione diversi dall’infortunio di agosto che aveva riguardato il flessore della coscia destra. Visibilmente preoccupato mister Cioffi, appena conclusa la partitella vinta dalla prima squadra per 4-0 sulla Juniores grazie ai gol di Suriano (2), Saccavino e Carrasco, si augura che il malanno sia recuperabile per domenica: «Lui è il perno della nostra squadra, è l’elemento su cui puntiamo per ritornare alla svelta a fare punti - sottolinea il mister - mi augurso che possa riprendere presto, domenica comunque stiano le cose noi abbiamo un risultato solo a disposizione».

Lo schieramento 4-3-3 messo in campo dal tecnico (che per 9/11 dovrebbe essere quello che verrà utilizzato contro i trevigiani) vedeva Lazarevs in porta; difesa a quattro con Eddy Omohonria a sinistra, Ferraro e Conti centrali, a sinistra il baby Ricco; Correa (poi Santoni) davanti alla difesa, con Saccavino e Baldinini a centrocampo. In avanti Felici, Debeljuh e Suriano. Oltre alla quasi probabile indisponibilità di Correa, al cui posto giocherà Santoni salvo sorprese dell’ultimo istante, in attacco il posto occupato ieri da Felici dovrebbe essere preso da Speziale. Le altre maglie sono pressochè assegnate per il match di dopodomani, con il solo ballottaggio legato alla presenza o meno di Correa al cui posto è comunque pronto Santoni.

Nella ripresa hanno giocato sempre con il 4-3-3 Sternieri fra i pali (Lçombardo si è allenato a parte); Ricci, Moi, Frullini (che ha chiesto e ottenuto, dopo la risoluzione del contratto, di allenarsi ancora con il Mantova) e Dragone in retroguardia. A metà campo Santoni, Palma e Franchini. In avanti Speziale, Ventola e Carrasco, autore della marcatura più spettacolare dell’incontro.

Oggi, quindi, si attende di conoscere l’esito dell’ecografia a cui Correa dovrà sottoporsi dopodichè verrà definita la prognosi e Cioffi potrà ragionevolmente valutare la formazione da schierare contro i veneti, che in passato hanno avuto in rosa diversi ex biancorossi, fra i quali l’ex centrocampista Daniele Pasa, il mister della Cremonese Attilio Tesser e Marino Magrin, allenatore del Mantova per soli 3 mesi.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista