Quotidiani locali

Rugby Eccellenza

Il Viadana è più forte del San Donà e della iella

Grave infortunio a Ormason dopo soli 2' ma i gialloneri reagiscono e conquistano il successo per 29-20 sui veneti

VIADANA
Un colpo allo stomaco che lo ha fatto vacillare e che stava per mandarlo al tappeto. Il Viadana ha incassato due mete ma è rimasto in piedi per poi reagire fino stendere il San Donà con tre centri.
I ragazzi di Frati hanno compiuto un’impresa da squadra vera, da gruppo già compatto e solidale nonostante i tanti volti nuovi e la giovanissima età media. Sì, perché ritrovarsi senza capitan Ormson dopo 2’ è stato l’avvio peggiore che si potesse immaginare per una squadra già orfana dell’altro regista Biondelli. Un bruttissimo infortunio quello subito dal faro giallonero: frattura al perone destro. Sarà operato domani pare a Casalmaggiore. Lo rivedremo tra alcuni mesi. 
Pronti-via e il Viadana si vede costretto a mettere in regia Manganiello che da anni non gioca in quel ruolo. Al posto di Ormson entra un altro argentino, Spinelli, jolly di trequarti. Doppio botta e risposta di piede tra Finco (divenuto il calciatore giallonero) e Ambrosini per il 6-6 al 16’. La sfida è molto fisica, con confronti continui a metà campo per saggiare le rispettive linee difensive. Viadana esce indenne da un lungo martellamento ospite e si getta in avanti con ferocia sulla linea dei 22 metri, procurandosi il terzo piazzato al 24’: 9-6.
La gara comunque non decolla, con frequenti interruzioni e rare aperture al largo. Il Viadana fatica a tenere in mano il gioco anche per una touche troppo incerta di fronte alle esperte seconde linee dello schieramento veneto. Allo scadere del primo tempo il San Donà sfonda dopo una lunga serie di pick-and-go che porta all’apertura per Van Zyl per il 9-13 al 37’.
Dopo l’apprezzata esibizione delle ragazze della Ginnastica Longoni a centrocampo, la ripresa inizia male, malissimo: San Donà subito avanti e meta-bis con Catelan su spinta di mischia: 9-20 al 45’. Il Viadana ha accusato il colpo dell’uscita di scena di Ormson non riuscendo a organizzarsi al meglio. Ma come criticare una squadra rimasta senza entrambi i registi designati? 
La partita sembra prendere una piega bruttissima ma il San Donà non ha fatto i conti con la rabbia agonistica, la capacità di reazione dei baldi giovani gialloneri. Pur se la carica squilla anche grazie all’inserimento di alcuni degli elementi della passata stagione. Il tecnico Frati decide infatti di cambiare subito tre giocatori: fuori Ceciliani, Chiappini e Gelati per Silva, Delnevo e Orlandi. Il Viadana reagisce subito bene e, con rabbiosa determinazione, spinge Brandolini oltre la linea bianca al 50’.
Poco dopo stesso copione in attacco ma arriva un piazzato centrale che al 56’ riduce comunque il gap a -3: 17-20. Altro tris di cambi gialloneri: fuori i piloni Brandolini e Bergonzini nonché il mediano di mischia Gregorio e dentro Antonio Denti, Garfagnoli e Bacchi. I gialloneri continuano a spingere e a mettere alle corde gli avversari dapprima sulla linea dei 5 metri e poi al largo, per la bella meta di Spinelli al 69’: Finco trasforma da posizione angolatissima per il 24-20 nel tripudio dello Zaffanella. La squadra di Frati pare trasformata: non più timida e un po’ impacciata come, comprensibilmente, nel primo tempo ma più risoluta, convinta delle proprie potenzialità. Anche più solida con gli avanti ora più esperti.
Il Viadana tiene ancora il bandolo della matassa e, con pazienza, costruisce la meta della sicurezza con Caila: touche ai 5 metri e spinta del pack decisiva per il 29-20. Mogliano si getta in avanti alla disperata ricerca di punti almeno per il bonus ma il Viadana chiude sempre la porta. Ed è una grande vittoria, la vittoria anche contro la sfortuna. Le prossime settimane saranno molto dure, alla ricerca di nuovi equilibri in regia, a partire dalla sfida di sabato prossimo ancora in casa (inversione di campo chiesta dalla Lazio). Ma con un Viadana così niente può far paura.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics