Quotidiani locali

Vai alla pagina su Mantova calcio
Mantova,  esame da big al Martelli con l’Arzignano

Mantova Calcio

Calcio serie D

Mantova, esame da big al Martelli con l’Arzignano

Dubbi su modulo e titolari ma l’Acm deve dare l’assalto al secondo posto

MANTOVA. Il Mantova, dopo aver ritrovato finalmente il sorriso al Martelli contro la Liventina, prova a dare l’assalto alle posizioni di vertice nel big match contro l’Arzignano secondo in classifica. La squadra vicentina - che arriva in riva al Mincio al gran completo - appare cliente assai scomodo, soprattutto per un’Acm che deve fare i conti con assenze pesanti proprio nella settimana più intensa della stagione. Renato Cioffi è privo infatti degli infortunati Cascone, Ricci, Santoni e Speziale, mentre recupera in extremis Moi (ieri 31 ottobre sottoposto a risonanza magnetica) che potrebbe anche essere impiegato dall’inizio come regista difensivo.

Su modulo tattico e formazione restano comunque molti dubbi, frutto probabilmente in parte di pretattica (la rifinitura è stata svolta a porte chiuse) e in parte di reali incertezze legate alle condizioni fisiche di alcuni elementi della rosa.

«L’Arzignano ha riposato 24 ore in più avendo giocato sabato e questo è un dato di fatto - dice Cioffi -. Ma noi non abbiamo calciatori per fare il turnover che servirebbe e dunque chi ha giocato sempre dovrà dare ancora qualcosa in più. Modulo e formazione li deciderò soltanto prima della partita».

L’impressione è che il mister alla fine non farà rivoluzioni e confermerà il consueto 3-5-2, anche se in allenamento ha provato il modulo 4-2-3-1. Cambiare assetto difensivo contro il miglior attacco del campionato, però, potrebbe essere assai rischioso.

Per quanto riguarda l’undici titolare, i punti interrogativi sono diversi, anche perché una singola scelta può produrre un effetto domino dovuto alla necessità di schierare sempre 4 under. A partire dal portiere, perché Cioffi sembra intenzionato a rilanciare fra i pali Lombardo ma non esclude al 100% la conferma di Lazarevs.

A grandi linee, è probabile che Cioffi rischi Moi dall’inizio al posto di Conti, inserendo Eddy a destra e portando Baldinini a metà campo. Altra possibilità è quella di mantenere Baldinini a destra, con Palma a metà campo e uno fra Carrasco e Pernigotti alle spalle di Suriano. Ultima ipotesi, se Moi non venisse rischiato, sarebbe quella di utilizzare Baldinini o lo stesso Palma come centrale difensivo. Tutte queste combinazioni riguardano soltanto il modulo 3-5-2, ma anche in caso di scelta del 4-2-3-1 i giocatori a ruotare sarebbero in pratica gli stessi.

Al di là delle scelte dell’ultima ora, dal Mantova in questo match ci si aspetta una risposta chiara, che dia concretezza alle speranze di risalire la classifica. Escludendo la prima gara di campionato contro la Virtus Verona, dopo quello vinto a Belluno questo sarà infatti il primo confronto con una delle squadre accreditate alla vittoria finale. E dunque potrà dare una dimensione all’Acm, che da settimane appare in grande crescita ma che ha alternato finora goleade e figuracce, mostrando volti talmente diversi da lasciare senza parole.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista