Quotidiani locali

Tra S. Lazzaro e S. Giovanni il “santo” è Salardi

I biancazzurri superano il Bienno grazie a una punizione del fantasista e restano in scia alla capolista

MANTOVA. Il sogno del San Lazzaro continua, tanto che anche una compagine del calibro del San Giovanni Biennio è costretta a capitolare tra le mura del Comunale di Borgochiesanuova. I ragazzi di Cobelli conquistano 3 punti importantissimi contro un diretto concorrente per la promozione, pur non senza soffrire. I maggiori pericoli per i biancazzurri sono arrivati da situazioni di palla inattiva, a causa della grande fisicità e conseguente maestria degli ospiti nel gioco aereo. A sbarrare la strada ai tentativi "volanti" avversari ci è voluto un Super Alessandro Gazzi. L'estremo difensore biancazzurro ha dato prova di una reattività fuori dal comune, soprattutto nella fase finale del match, negando il gol del pari agli ospiti su due colpi di testa ravvicinatissimi.

Grazie a questi tre punti guadagnati, il San Lazzaro vola a quota 20, ad una lunghezza soltanto dalla capolista Montichiari. Non è riuscito infatti il Casalromano a fermare i bresciani, ancora imbattuti ed in testa alla classifica, capitolando in casa per 2 a 1 contro i rossoblu. La gara tra "santi" vede il suo inizio in un contesto climatico autunnale, con deboli piogge e gelide folate di vento. Il campo però non sembra risentire della difficile situazione metereologica e pertanto non condiziona la spettacolarità del match. Le due squadre si studiano attentamente nella prima parte della gara, e l'equilibrio regna sovrano. Il canovaccio della partita è il seguente: Il San Lazzaro prova a fare la partita giocando palla a terra con scambi veloci per scardinare la difesa ospite, i bresciani cercano invece la profondità con molti lanci lunghissimi dalle retrovie, puntando molto sulla fisicità di Morandini, la punta centrale, e dei difensori sulle palle inattive. Omorogieva è sicuramente il più attivo tra i suoi, e infiamma il pubblico con le sue giocate. Come al minuto 25' quando supera due difensori in velocità e tira verso la porta di Mazzoli che però para senza problemi. L'occasione più ghiotta della partita capita due minuti più tardi sui piedi di Tomasello che fugge a campo aperto verso la porta avversaria, ma a tu per tu col numero 1 bresciano, calcia debolmente forse per la stanchezza, e il portiere la fa sua in due tempi. Gli ospiti si difendono tenacemente ma si avverte che il vantaggio dei biancazzurri è nell'aria. E infatti arriva ad opera di Salardi, che al 32' prende la mira su calcio piazzato testando i riflessi di un attento Mazzoli, e poi lo infila al 43' sempre su punizione con un destro affilato all'angolino basso.

Nella ripresa il Bienno cerca di sfruttare a pieno i centimetri dei suoi per agguantare il pari, e solo le unghie di Gazzi assicurano la vittoria ai biancazzurri. L'estremo difensore mantovano si supera su tre colpi di testa indirizzati in porta, al 47', al 86' e al 90, con gli ultimi due interventi tanto superlativi, quanto fondamentali. Nessuno sa fin dove può arrivare questo San Lazzaro, ma con il lavoro di tutti, l'obiettivo finale sembra raggiungibile.

Gabriele Spinardi

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista