Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Ottolini: «La Castellana è viva e può salvarsi»

Eccellenza. L’attaccante dopo i 2 gol al CazzagoBornato: «Ci siamo sbloccati ma siamo stati penalizzati dall’arbitro. Presto arriverà la prima vittoria»

CASTEL GOFFREDO. In un inizio di stagione complicato come quello vissuto dalla Castellana l’unico modo per non andare completamente a fondo è quello di aggrapparsi ai segnali incoraggianti che, seppur col contagocce, stanno arrivando in casa biancazzurra. Sbloccata la classifica grazie al pareggio contro il Brusaporto, in via Svezia si sta ancora masticando amarissimo per la sconfitta subita nel finale per mano del CazzagoBornato. Occorre però anche guardare il rovescio della medaglia: per la prima volta il team di mister Vincenzi è andato a segno due volte nello stesso match e, soprattutto, ha veramente toccato da vicino la possibilità di centrare il primo successo.

Nulla è perduto dunque ed è ciò che vuole trasmettere l’attaccante Nicola Ottolini, che ha messo la firma sulle due reti segnate ai bresciani. «Non saremo la vittima sacrificale di questo campionato - spazza subito i dubbi l’ex Asola - e lo dico a ragion veduta perché vedo un gruppo che lavora sempre al massimo e non ha certamente il morale e la convinzione da ultima della classifica. Il torneo è ancora lungo e tutti siamo fiduciosi di potercela fare. Domenica abbiamo sfiorato la vittoria, vittoria che non è arrivata anche perché su tutte e tre le marcature avversarie hanno pesato le sviste dell’arbitro».

Dal pensiero dedicato al gruppo a quello personale: niente di meglio che sbloccarsi con una doppietta per rilanciare le proprie ambizioni. «Sono contento di aver segnato - conferma Ottolini -, quello del gol è stato il nostro problema principale in questo avvio e siamo sulla buona strada per risolverlo. In generale i miglioramenti ci sono, di domenica in domenica. E sono convinto che arriverà presto questa benedetta prima vittoria».

Ottolini era in biancazzurro anche nella passata stagione, quando con uno sprint finale la Castellana, che pareva già destinata alla lotteria dei playout, strappò una salvezza insperata. «Speriamo di rialzarci in fretta e di poter ripetere un’impresa come quella - si augura l’attaccante cresciuto nel vivaio della Cremonese -. Credo che sia nelle nostre possibilità: ci manca anche quel pizzico di fortuna in più negli episodi che, in situazioni come queste, può dare una grossa mano nel cambiare le sorti della stagione». E chissà che ciò non avvenga proprio domenica: la trasferta in casa della Luisiana è un crocevia da non fallire. La matricola cremonese è penultima con sei lunghezze su Napolano e compagni: centrare la prima vittoria e dimezzare il distacco dal treno salvezza è quello che serve per dare la svolta.

Davide Casarotto