Quotidiani locali

RUGBY

Il Viadana comincia bene poi becca 6 mete a Padova

Continental Shield: Silva a segno in avvio, ripresa da dimenticare. Differenti motivazioni: i gialloneri erano già fuori mentre i veneti falliscono la squalificazione per un solo punto

PADOVA. Il Viadana chiude la sua prima esperienza in Continental Shield con una sonora sconfitta a Padova per 41-7 e termina in fondo alla classifica della Pool A. Una vittoria, pur storica dopo la super rimonta della settimana scorsa contro il Batumi, su quattro gare è un po’ poco: manca all’appello la sfida casalinga contro i portoghesi del Cdul non affrontata con la giusta mentalità.

La differenza l’hanno fatta le motivazioni: i gialloneri erano ormai tagliati fuori dalla qualificazione mentre i veneti erano ancora in corsa. Ma non sono bastate le 6 mete a una del Petrarca per il pass: come l’anno scorso, i patavini restano fuori per un sol punto. Questa volta, al posto loro è passato il Calvisano mattatore del Rovigo. Fatale per i ‘tuttoneri’ di Marcato e Allori si è rivelata la sconfitta evitabile in terra di Germania la scorsa settimana.



I padroni di casa sono usciti comunque a testa alta, stroncando il Viadana alla distanza sotto il peso di sei mete. La partita è iniziata con una fiammata degli ospiti che, dopo sei minuti sono riusciti a sfondare con il tallonatore Silva in pick&go, dopo che i gialloneri erano riusciti a rubare una touche in attacco.

Dopo aver sistemato i meccanismi in rimessa laterale e in mischia, il Petrarca è tornato alla carica favorito anche da alcuni falli del Viadana. Alla prima occasione buona i trequarti di casa hanno fatto la differenza, con Menniti-Ippolito in raddoppio su Bacchin che ha consegnato a Riera l'uno contro due per mandare in meta Capraro. Ristabilita la parità, il match si è fatto combattuto. Solo a ridosso dell'intervallo Saccardo e compagni sono riusciti a smuovere il tabellone, prima con un calcio di Menniti-Ippolito quindi con un carrettino che ha portato in meta Marchetto.

Nel secondo tempo sono emerse, appunto, le maggiori motivazioni del Petrarca, bisognoso del bonus per inseguire la qualificazione di fronte a una squadra ormai fuori per di più in emergenza di organico. Preso il controllo del campo, i ‘tuttoneri’ hanno dato una prima fiammata a metà ripresa con due mete di pregevole fattura in rapida successione, di Acosta, in percussione dopo buco al largo dei trequarti, e di Rossi, su cross kick di Menniti-Ippolito. A dare il colpo di grazia, con Viadana in 14 per il ‘giallo’ a Ceciliani, ci hanno pensato gli stessi due giocatori, autori di una doppietta che ha fissato il finale sul 41-7.

I verdetti. Questi i risultati della quarta e ultima giornata della fase eliminatoria della Continental Shield: Padova-VIADANA 41-7; Calvisano-Rovigo 34-0; Batumi (Geo)-Timisoara Saracens (Rom) 20-17; Cdul (Por)-Heidelberger (Ger) 7-38. Le classifiche. Pool A: Timisoara Saracens 14; Heidelgerger 13; Rovigo 11; VIADANA 6. Pool B: Calvisano e Batumi 12; Padova 11; Cdul 4. Qualificate alle semifinali: Timisoara Saracens, Heidelberger, Batumi e Calvisano.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik