Quotidiani locali

Gamboa: «Caimani ok col supporto di Viadana»

Rugby serie B. Il tecnico: «Novindi è l’esempio di come si può crescere col lavoro Sanfelici sta affrontando bene il passaggio da giocatore ad assistente tecnico»

BONDANELLO . Mancano ancora due partite per tagliare il traguardo di metà stagione, ma per i Caimani (risaliti al terzultimo posto dopo aver annullato la penalizzazione di -12) la sosta è il momento ideale per guardarsi alle spalle e fare un’analisi del lavoro svolto.

Il tecnico Ulises Gamboa, al terzo anno alla guida dei Caimani affiancato da Gilberto Pavan e da quest’anno anche da Mario Sanfelici, racconta questa prima parte di stagione costellata di difficoltà ma anche di tante soddisfazioni: «Innanzitutto devo dire che all’inizio non è stato facile, perché bisognava trovare l’equilibrio in campo alla squadra che si allena in due gruppi, uno con la prima squadra a Viadana e uno a Bondanello. In particolare poi abbiamo sbagliato qualche risultato come contro i Cus di Ferrara e Padova, ma poi ci siamo ripresi bene. Di cose positive invece c’è innanzitutto il supporto e la fiducia delle società Viadana e Caimani che ci hanno permesso di essere formazione cadetta e non ci hanno mai dato pressioni di risultati ma sostenendoci sempre. Pavan sta facendo un gran lavoro anche con i trequarti oltre che con la difesa e Sanfelici sta affrontando bene il passaggio da giocatore a tecnico, scendendo in campo con il massimo dell’impegno in caso di bisogno, anche da terza linea, pur essendo lui un tallonatore».

Tra le altre note felici il tecnico individua alcuni giocatori che si sono distinti per impegno e prestazioni e danno lustro a una società che punta per davvero sui giovani, che ora hanno anche la possibilità di accedere direttamente in prima squadra come già accaduto al pilone Novindi: «Novindi è un ragazzo che lavorando sodo - spiega il tecnico dei Caimani - è riuscito a conquistare la prima squadra e dev’essere un esempio per tutti. Oltre a lui, anche Diallo si è sacrificato giocando fuori ruolo e anche Bini ha fatto un grande inizio di stagione giocando sia apertura che primo centro».

Guardando al resto del campionato infine, non cambiano gli obiettivi della società, sempre e comunque legate alla crescita di un gruppo giovanissimo: «La nostra missione - spiega concludendo il suo bilancio Gamboa - è formare una squadra competitiva cercando di fare il meglio possibile in campionato, unendo i due gruppi di Viadana e Caimani».

Lorenzo Fracassi

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik