Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

"Mantova, a Verona andiamo a fare risultato"

Mister Renato Cioffi e l'attaccante Matteo Guazzo a Chioggia in occasione di Clodiense-Mantova 0-2

Mister Renato Cioffi attende il rientro di Correa e Carrasco e nasconde la formazione: "Giocherà chi starà meglio"

MANTOVA. Renato Cioffi non usa certamente i corni rossi, nè crede agli jellatori, tantomeno si ricorda delle filastrocche di Pappagone-Peppino De Filippo (“Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglio; corna, bicorna, capa r’alice e capa r’aglio. Sciò sciò ciucciuvè, uocchio, maluocchio…) ma siamo sicuri che un pensierino alla cabala il mister biancorosso l’abbia fatto in vista del match di domenica a Verona contro la Virtus Vecomp. Cioffi, è noto, fa la sua passeggiata con lo staff il venerdì sera ma per il resto il suo lavoro è votato in modo scientifico alla preparazione della partita, stavolta con la Virtus.
Alla ripresa della preparazione Cioffi ha fatto svolgere una seduta di un’ora e mezza con una succosa dose di atletica e i primi schemi in vista del match, pazientemente ripetuti. «Stiamo attendendo il ritorno di Correa e Carrasco - spiega il tecnico avellinese- è una gara speciale ma anche stavolta in campo ci andrà chi sta bene e offre le migliori garanzie. Il 2017 mi ha fatto la grande occasione di allenare al Mantova, al nuovo anno chiedo la possibilità di riuscire a portare questa squadra dove merita. Senza fare troppi conti ma andando avanti con la piena consapevolezza delle nostre doti, non è ora che si decide il campionato ma fra due mesi».
Il tecnico diffida dal credere che in gioco sia tutta la stagione dei biancorossi: «Non crolla il mondo in ogni caso, ci sono 48 punti in palio dopo questa gara. Non investiamo speranze e attese se non fondate sul lavoro coscienzioso che i miei ragazzi stanno facendo, con grande impegno». Prove di formazione ce ne saranno probabilmente già domani, ma pare proprio a porte chiuse: «Non temo la Virtus più di tanto, a me fanno più paura le partite contro le pericolanti perchè lì possono mancare gli stimoli giusti».
I 37 punti della Virtus, per il mister, sono meritati: «Hanno fatto molto bene e in più si sono rafforzati - afferma Cioffi - loro hanno una rosa ampia ma anche noi, con le 5 sostituzioni, possiamo schierare la miglior formazione. E poi se la curva fa la sua parte fermarci diventa realmente un guaio». Massì, altro che i corni rossi o le filastrocche...