Quotidiani locali

BASKET A2

Dinamica, niente cali di tensione contro Bergamo

L’assistant Seravalli: «Sono una squadra viva». Il tecnico ospite Ciocca: «Voglio far festa per la panchina n.100»

MANTOVA. Incastrata dal calendario in mezzo a due trasferte di indubbia difficoltà contro squadre di alta quota, la prima già andata in archivio al PalaDozza di Bologna e quella a Udine tra sette giorni, la sfida contro Bergamo rappresenta il miglior modo per tenere la scia delle prime quattro.

Bergamo, battuta dagli Stings all’andata 73-67, è ora penultima con 6 punti (gli stessi di Orzinuovi e due in più del fanalino Roseto). Dopo le parole di Luca Vencato, che prima della conferenza aveva preso parte insieme a Jones e Costanzelli all’incontro alla scuola primaria di Suzzara (in collaborazione con la Asd La Fenice di Suzzara), la parte dal sapore più tecnico della presentazione della partita è affidata all’assistant coach Alberto Seravalli: «Bergamo fa parte di quelle squadre che hanno avuto tanta sfortuna, tante gare disputate senza giocatori fondamentali - afferma - sono una squadra che lotta e che si passa la palla, ha capacità realizzative negli esterni ma anche nei lunghi. Si percepisce che hanno voglia di lottare e difendere duro in difesa e giocare passandosi la palla in attacco. È una squadra viva, quindi affronteremo una partita tosta. Il nostro approccio dovrà essere quello di continuare a fare le nostre cose sempre meglio e, soprattutto mentalmente, riuscire ad approcciare la partita come abbiamo fatto a Bologna; non ci possiamo permettere cali di tensione».

Seravalli ha definito Bergamo una “squadra viva”: nelle ultime cinque partite ha un bottino di quattro sconfitte e una vittoria (vittima illustre Udine) ma anche le sconfitte confermano quanto detto. Ko di soli tre punti in un campo caldo come Forlì, di cinque contro Ravenna (terza in classifica).

«Incontriamo una squadra decisamente in salute - afferma dal canto suo il coach orobico Cesare Ciocca - che ha vinto sei delle ultime sette partite, perdendo solo di un punto a Bologna. Mi piacerebbe festeggiare le mie cento panchine con Bergamo con un successo ma non sarà affatto facile. L’importante sarà crederci sempre, lo sto facendo con me stesso e con i miei ragazzi, lavorando duro giorno dopo giorno per restare “sul pezzo”. Sappiamo dal primo giorno le difficoltà che dobbiamo affrontare ma la squadra c’è, ha voglia di fare di tutto per riuscire a tenere questa A2».

Entrambe le squadre sono al completo. Apertura della biglietteria domenica dalle 16.30.


 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro