Quotidiani locali

Quattro sberle: de profundis Castellana

Gara incolore dei biancazzurri che cedono il passo all’Orsa Iseo del grande ex Pedrocca: la salvezza resta un miraggio

CASTEL GOFFREDO. Una situazione disastrosa che ora diventa disperata. La Castellana sbaglia la gara più importante dell’anno, quella in casa contro l’Orsa Iseo. Sconfitta giusta che rende quasi impossibile la rimonta verso un posto nei playout. Se prima serviva un’impresa, ora serve un miracolo.

Peccato, perché di fronte la Castellana si è trovata un’Orsa non certo trascendentale. I bresciani però hanno fatto mercato in inverno, prendendo giocatori d’esperienza in grado di tenere a galla la situazione. Un nome? Diego Pedrocca. L’ex capitano della Castellana spadroneggia dal primo all’ultimo minuto a centrocampo, lasciando inebetiti i padroni di casa. La gara, poco convincente in avvio, si complica al 23’ quando Parisio stende in area un avversario. Rigore netto che Rusconi trasforma. Poco dopo sull’altro fronte l’arbitro non fischia un penalty sacrosanto su Pini, sgambettato prima della conclusione. Una doccia fredda che diventa gelata in apertura di ripresa. Vincenzi prova a cambiare modulo inserendo Ottolini (dal 3-5-2 al 4-3-3) ma la scarsa reattività difensiva sull’incursione di Valente spiana la strada all’Orsa verso il successo. Lo stesso Valente segna il terzo gol all’11’ di testa. La Castellana si rialza timidamente grazie alla zampata sotto misura di Santonastaso. Lampi di speranza, spenti brutalmente dal direttore di gara che non vede un mani in area bresciana che poteva (forse) riaprire la contesa. L’altro soffio sulla fiammella lo tira Calzoni che in chiusura di incontro spiana la strada a Valente per il definitivo 1-4.

Una vera mazzata sulla testa del fanalino di coda, spento nell’animo e incapace di mettere in campo la compattezza mostrata in chiusura del girone d’andata. A conti fatti adesso tutto rischia di diventare triste. Mancano ancora 3 mesi di campionato e tirare avanti in queste condizioni non è per nulla semplice. Fino a quando la matematica non sancirà l’addio all’Eccellenza la Castellana ha l’obbligo di restare sul pezzo, magari conquistando quella prima vittoria stagionale che sarebbe un premio alla volontà del gruppo. Un gruppo che però, ieri, ha fatto cilecca.

Andrea Gabbi

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon