Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sesa-Ecology: è derby d’alta quota

MANTOVA. Dopo il primo derby tra Lady Leaf Asola e Negrini Quistello ieri sera, oggi tocca al secondo, leggermente più d’alta quota, che insieme danno vita a una terza di ritorno per cuori forti.Alle...

MANTOVA. Dopo il primo derby tra Lady Leaf Asola e Negrini Quistello ieri sera, oggi tocca al secondo, leggermente più d’alta quota, che insieme danno vita a una terza di ritorno per cuori forti.

Alle 20:30 al PalaSusty si alzerà la palla a due di Sesa Sustinente-Ecology System Viadana. Tra i padroni di casa, terzi con 22 punti, ci sono fiducia e attenzione come sottolinea il responsabile tecnico Paolo Zecchini: «È un derby quindi chiaramente c’è anche una componente emotiva che va oltre l’as ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANTOVA. Dopo il primo derby tra Lady Leaf Asola e Negrini Quistello ieri sera, oggi tocca al secondo, leggermente più d’alta quota, che insieme danno vita a una terza di ritorno per cuori forti.

Alle 20:30 al PalaSusty si alzerà la palla a due di Sesa Sustinente-Ecology System Viadana. Tra i padroni di casa, terzi con 22 punti, ci sono fiducia e attenzione come sottolinea il responsabile tecnico Paolo Zecchini: «È un derby quindi chiaramente c’è anche una componente emotiva che va oltre l’aspetto tecnico. Per noi è importante staccare Viadana di 4 punti invece che dei due di differenza in classifica che ci sono adesso. Sarà molto difficile perché Viadana arriva da sei vittorie consecutive per cui saranno in un grande momento di fiducia. Dovremo cercare di limitarli a rimbalzo, aspetto nel quale invece abbiamo subito molto anche dalle guardie nella partita d’andata. E soprattutto dovremo cercare di essere bravi contro le famose di Tellini 1-3-1 o 1-2-2, che spesso mettono in difficoltà e rallentano le transizioni oppure l’inizio vero dell’azione nel gioco piazzato, con conseguente riduzione del tempo a disposizione che spesso costringe a tiri fuori ritmo. Abbiamo lavorato molto bene in settimana e affronteremo la partita con consapevolezza». Sul versante Viadana Denis Tellini: «Facendo un calcolo matematico, il risultato finale di questo derby vedrebbe vincitrice Viadana solo per il fatto di aver appena battuto la prima in classifica. Fosse così sarebbe tutto più facile, invece dovremo affrontare un impegno vero e serio contro una formazione importante, attrezzata, ben costruita e ben allenata. Mi avevano fatto un’ottima impressione all’andata, e anche se eravamo stati bravi a vincere una partita brutta, avevo confessato a Zecchini che sarebbero arrivati nelle prime tre e sono ancora convinto di questo. Derby o no, dobbiamo essere molto presenti con corpo e mente perché, specialmente fuori casa, dobbiamo rimanere agganciati alla gara tenendo il punteggio basso. Meglio essere brutti ma concreti. Sei vittorie non sono importanti se guardiamo solo la statistica, lo diventano se ci può dare consapevolezza dei nostri mezzi». (lp)