Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Viadana, vincere oggi o mai più Battere la Lazio e restare in corsa

Rugby Eccellenza. I gialloneri per il primo colpo esterno contro un team che ha esultato una sola volta Pavan e Menon insieme dall’inizio. Il tecnico Frati: «Serve precisione nel gioco al piede e in difesa»

VIADANA. Viadana, oggi o mai più. Sì, perché sul campo dell’Acqua Acetosa a Roma contro la Lazio non esiste altro che la vittoria nelle possibilità della squadra giallonera che tuttavia è ancora a secco di successi lontano dallo Zaffanella. Tornare a casa con un’altra sconfitta significherebbe dire addio con largo anticipo al quarto posto valido per i playoff. In effetti, perdere da una squadra che finora (tra campionato e Trofeo Eccellenza) ha vinto una sola volta il 19 novembre contro Mogl ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIADANA. Viadana, oggi o mai più. Sì, perché sul campo dell’Acqua Acetosa a Roma contro la Lazio non esiste altro che la vittoria nelle possibilità della squadra giallonera che tuttavia è ancora a secco di successi lontano dallo Zaffanella. Tornare a casa con un’altra sconfitta significherebbe dire addio con largo anticipo al quarto posto valido per i playoff. In effetti, perdere da una squadra che finora (tra campionato e Trofeo Eccellenza) ha vinto una sola volta il 19 novembre contro Mogliano fanalino di coda, significherebbe non meritare di andare a giocarsi lo scudetto.

Per di più c’è da cancellare la preoccupante prestazione dell’Epifania a San Donà dove, dopo un primo tempo dignitoso, il Viadana si è sciolto come neve al sole sotto le mete dei non trascendentali trequarti veneti. Per stimolare mentalmente i suoi, il coach Frati ha anche tenuto colloqui individuali dai quali, pare, abbia avuto ottimi riscontri che si spera di verificare sul campo. Con la Lazio ci vorrebbe una bella vittoria da 5 punti per accorciare il distacco dalle Fiamme Oro (quarte a +6) impegnate nella dura sfida casalinga contro Rovigo. Pure l’altra antagonista per le semifinali, San Donà, gioca sul difficile campo di Firenze con soli 3 punti in più della squadra giallonera. «Precisione nel gioco al piede e a livello difensivo» chiede il tecnico Frati che ritrova per la prima volta Pavan e Menon titolari insieme e sottolinea la prima linea avversaria rinforzata dall’arrivo del pilone argentino Luciano Leibson.

«Arriviamo alla partita dopo una settimana di lavoro importante - ha detto dal canto suo l’head coach laziale Daniele Montella -. E’ finito il tempo delle parole, è il momento di concretizzare in risultato quello che esprimiamo in campo». Quanto alla formazione, sarà della partita anche il capitano Carlo Filippucci che, fermato da una sindrome influenzale a inizio settimana, partirà dalla panchina. Vestirà appunto la maglia da pilone destro titolare Leibson che nella partita della settimana scorsa del Trofeo Eccellenza coi Medicei, persa 17-49, ha ben figurato davanti al pubblico biancoceleste con due mete in pochi minuti. Probabili formazioni.

Lazio: 15 Antl; 14 Di Giulio, 13 Guardiano; 12 Vella, 11 Bonavolontà F.; 10 Ceballos, 9 Bonavolontà D.; 8 Freytes; 7 Cicchinelli, 6 Ercolani; 5 Riedi, 4 Pierini; 3 Di Roberto, 2 Cugini, 1 Leibson. A disposizione: Gloriani, Corcos, Amendola, Filippucci, Pagotto, Giangrande, Lombardo e Giacometti. All. Montella.

Viadana: 15 Spinelli, 14 Finco, 13 Menon, 12 Pavan, 11 Manganiello, 10 Biondelli, 9 Gregorio, 8 Denti And., 7 Moreschi, 6 Anello, 5 Caila, 4 Orlandi, 3 Denti Ant., 2 Silva, 1 Bergonzini. A disposizione: Ceciliani, Breglia, Brandolini, Chiappini, Ribaldi, Bacchi, Rojas e O’Keeffe. All. Frati e Sciamanna.