Quotidiani locali

le interviste 

Cobelli: «Loro? Palla lunga e tanto agonismo»

MANTOVA. Forse per la prima volta, da quando il San Lazzaro gioca in Promozione, si è visto un Alessandro Cobelli veramente amareggiato. E ci sta, perché ancora una volta la coltellata arriva a pochi...

MANTOVA. Forse per la prima volta, da quando il San Lazzaro gioca in Promozione, si è visto un Alessandro Cobelli veramente amareggiato. E ci sta, perché ancora una volta la coltellata arriva a pochi secondi dal triplice fischio. «Penso che la sconfitta sia immeritata, anche se i ragazzi non hanno fatto una grandissima partita, chiaro. Per noi è difficile giocare partite così, contro squadre che giocano solo palla lunga e pedalare. Il Casalromano ha picchiato e protestato su ogni palla, ma anche noi abbiamo qualche demerito quindi posso solo guardare avanti, al lavoro da fare martedì» spiega l’allenatore del San Lazzaro.

Dall’altra parte, pochi minuti prima, così Mauro Franzini commentava la vittoria del suo Casalromano: «Su questo campo bisogna lavorare così, loro sono abituati a viaggiare sulle palle lunghe, a scavalcare e giocano poco. Abbiamo fatto quello che potevamo, anche a causa delle varie assenze, ed ecco che la partita è rimasta sempre sul filo. Chi ci conosce sa in che situazione si trova la squadra e quanto stiamo lavorando, quindi soprattutto per questo la vittoria assume più valore. Far punti contro una squadra che dice di volersi salvare, ma che è chiaro a cosa punti e che capacità abbia, è una bella boccata d’ossigeno che solleva il morale». Due interviste che evidenziano chiaramente quanto diversi siano i punti di vista delle parti interessate, che ad inutili elogi hanno preferito salvare quanto di buono fatto per preparare al meglio i prossimi impegni. Per ripartire nel caso del San Lazzaro, e per confermarsi invece da parte del Casalromano. (n.b)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori