Quotidiani locali

basket a2

Dinamica-Ferrara, derby degli ex

Basket A2. L’opinione di coach Morea: «Bravo Lamma, la Bondi ha un roster più corto e può soffrire»

MANTOVA. Tarantino, ma ferrarese d’adozione sia per la vita cestistica che privata e mantovano “ad honorem” dopo due stagioni agli Stings, tra cui quella indimenticabile della cavalcata verso l’A2 Gold. L’identikit corrisponde a quello di Alberto Morea, ex coach di Ferrara e Mantova che conosce bene entrambi gli ambienti e che ha vissuto numerosi “derby” passati: «Ferrara ha avuto un percorso difficile – commenta l’ex tecnico virgiliano –. Credo che su questo abbia influito l’infortunio di Rush, che è arrivato nel momento peggiore, cioè quando si stavano costruendo gli equilibri della squadra. Difensivamente è una squadra intensa e in attacco ha giocatori di talento in grado di procurarsi tiri importanti».

Nell’anno della promozione in A2 Gold, Morea ha allenato l’attuale coach degli Stings Davide Lamma: «Mi fa veramente piacere che Davide stia facendo bene a Mantova. Con lui c’è sempre stato un rapporto umano bellissimo e non avevo dubbi che si trovasse bene nei panni di allenatore. È inoltre ben supportato da due bravi allenatori come Cassinerio e Seravalli». Il roster degli Stings «è equilibrato, fisico e tecnico. Candussi sta proseguendo il suo processo di maturazione in un gioco che esalta le sue caratteristiche. Jones è un leader silenzioso, l’ho allenato a Montegranaro quand’ero assistant coach. Moraschini sta avendo l’occasione di essere importante senza eccessive pressioni. Ci sono poi tanti giocatori importanti che rendono la squadra veramente completa».

Sul pronostico di Ferrara–Mantova, Morea non vede una netta favorita: «La difesa di Ferrara sarà un elemento determinante della partita. Se dovesse riuscire a mantenere la stessa intensità nel corso del match, allora l’attacco di Mantova avrebbe qualche problema. Non sarà facile per la Bondi visto che ha un roster più corto, però sicuramente ci sarà voglia di reagire da parte dei giocatori e ci sarà un pubblico molto caldo al seguito. Mi aspetto una bella partita, un ‘classico’ ormai per le due squadre».

Alberto Morea è solo uno dei quattro importanti “doppi ex”. Ad essere passati da Ferrara e Mantova sono stati infatti anche Jordan Losi, Alessandro Amici e Alberto Martelossi. Proprio il coach friulano aveva iniziato la stagione alla guida della Bondi, salvo poi essere esonerato tre giornate fa dopo la sconfitta di Montegranaro. Il tecnico, presente dal 2015 al 2017 sulla panchina degli Stings, risulta comunque ancora sotto contratto con Ferrara, come sottolineato in una precedente intervista a Radio Sound dal presidente estense Fabio Bulgarelli: «È temporaneamente esonerato dal suo ruolo di capo allenatore – le dichiarazioni di Bulgarelli –. Nel caso in cui la società gli chiedesse di tornare lo dovrebbe fare. Si spera che lo shock del cambio di allenatore funzioni dato che non dà più alibi ai giocatori».

Alberto Carmone
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro