Quotidiani locali

Vai alla pagina su Mantova calcio
Tre ex al Martelli: «Il Porto Tolle mira ai playoff»

Mantova Calcio

Calcio serie D

Tre ex al Martelli: «Il Porto Tolle mira ai playoff»

Fissore preferisce evitare dichiarazioni. Gherardi: «Mantova mi è rimasta nel cuore». Menini: <Spero l'Acm torni in alto>

MANTOVA. Sono ben tre gli ex biancorossi che militano nel Delta Porto Tolle che domenica 11 febbraio (ore 14.30) sfiderà al Martelli il Mantova. Si tratta di Riccardo Fissore, difensore che la prossima settimana compirà 38 anni, dell'attaccante 34enne Enrico Gherardi e del più giovane Luca Menini, difensore classe 1997.

Tre storie diverse, a cominciare da Riccardo Fissore che militò nell'Acm due stagioni in serie B dal 2008 al 2010 con 49 presenze e una rete. Nel luglio del 2012 fu squalificato per 3 anni e 9 mesi per omessa denuncia, in relazione a gare disputate quando era a Mantova, nel quadro del calcioscommesse. Reato che poi il Tnas derubricò riducendo la pena ad 1 anno e 2 mesi. Contattato telefonicamente, Fissore (che i tifosi biancorossi hanno contestato anche all’andata nonostante fosse in panchina) con molta cortesia ha chiesto di non rilasciare dichiarazioni.

Appena pochi mesi dopo, in un Mantova nuovo sorto dalle ceneri del fallimento, nell'estate 2010 arrivò invece Enrico Gherardi. Al di là della delusione del dover ripartire dalla D, fu un’annata speciale, nella quale si festeggiarono il centenario del club e l'immediato ritorno in C2. «Di Mantova ho solo ricordi positivi - commenta il bomber, 161 reti in carriera tra Eccellenza e C1 - per la stagione e per la città. Persi alcune gare del girone di andata per infortunio, poi mi ripresi e riuscii anche a segnare 10 gol. Sarei rimasto volentieri anche in C2 ma si decise in altro modo. Pazienza, non porto mai rancore e rivedrò con piacere molti amici».

Gherardi è tornato in estate a Porto Tolle per una scelta di vita (è il compagno di Lorenza Visentini, ds e figlia del patron polesano) dopo avere trascinato con 36 reti in 26 gare il Trento in D. «Sarà una gara dura - spiega - ma vorremmo rifarci della figuraccia della gara di andata (4-1 per il Mantova, ndr) per provare ad agganciare i playoff. Ultimamente non gioco moltissimo - sorride - ma se dovessi segnare non esulterei in modo esagerato per rispetto di una piazza che mi ha voluto bene».

Luca Menini invece faceva parte dei gioiellini della Berretti di Pavesi, con Manarin e Zammarini, che mister Juric aggregò alla prima squadra nel 2014. Per lui tre ritiri precampionato, alcune gare di Coppa Italia senza però mai la gioia del debutto in Lega Pro per i trasferimenti alla Berretti del Torino e al San Marino (due anni).

«Sono arrivato a dicembre al Delta - dice il Meno - una società davvero molto organizzata. Ho sofferto anch’io di riflesso il fallimento della scorsa estate, dato che ero in prestito ma avevo il precontratto. Per me certamente è una partita speciale, arrivai nel settore giovanile dell'Acm da ragazzino e ho fatto la trafila fino alla prima squadra. In questi anni credo di essere maturato e mi piacerebbe avere l'opportunità di salire di categoria. Nel Mantova? Chissà, un giorno forse... Ma ora sono al Delta Porto Tolle e domenica spero di portare a casa qualche punto in chiave playoff. È chiaro però che questo club sarà sempre nel mio cuore e mi auguro che possa tornare presto nelle categorie che merita».

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon