Quotidiani locali

Vai alla pagina su Mantova calcio
Pecchini: «Il Mantova adesso penserà al futuro»

Mantova Calcio

Calcio serie D

Pecchini: «Il Mantova adesso penserà al futuro»

Il dirigente: «In campo ennesima occasione persa. Da domenica aumento di capitale, nuovi soci e piani per il domani»

MANTOVA. «Amarezza profonda». È così che il dirigente Gianluca Pecchini descrive lo stato d’animo in casa Mantova dopo l’inattesa sconfitta interna ad opera del Delta Porto Tolle. «Doveva essere la partita della definitiva affermazione, invece è stata una prova incolore, al di là dello sterile dominio che pure c’è stato, che si è tradotta nell’ennesima occasione persa della nostra stagione. L’approccio e la concentrazione necessari in una partita decisiva per le nostre ambizioni non ci sono stati, questa è la verità».

Insomma, una bocciatura netta per l’area tecnica biancorossa, alla quale il dirigente fa seguire parole che spostano il tiro sul futuro del club: «Ora è meglio concentrarsi sull’assemblea di domenica prossima e sul rafforzamento societario che si concretizzerà con l’aumento di capitale e con l’ingresso di nuovi soci». Pecchini conferma che uno dei nuovi soci sarà lui stesso e che verrà accompagnato «da altre due persone, i cui nomi saranno comunicati nei prossimi giorni». L’aumento di capitale sociale sarà di 150mila euro, «a grandi linee 80mila riservati agli attuali componenti della società e 70mila che apporteranno i nuovi soci». L’operazione porterà così il capitale sociale a 465mila euro.

Il gol di Vuthaj che è costato la...
Il gol di Vuthaj che è costato la sconfitta al Mantova contro il Porto Tolle

Ma l’assemblea di domenica dovrà cominciare ad affrontare anche altri temi che riguardano il futuro del Mantova: dall’eventuale possibilità di puntare a una domanda di ripescaggio attraverso ai playoff a tutte le scelte da fare in vista della prossima stagione, che sia in serie D o in un’altra categoria.

«Di certo si comincerà a parlare un po’ di tutto - dice in merito Pecchini -, ma il nocciolo della questione resta il rafforzamento societario, per dare un futuro ancora più solido all’Acm. E questo a meno che ovviamente non spunti il famoso magnate disposto a investire milioni di euro per portare il Mantova in alto».

Se questo magnate non busserà alle porte di Viale Te, Pecchini assicura comunque che le scelte sul futuro saranno fatte in tempi brevi e con chiarezza: «Il 30 maggio finirà la stagione e il primo giugno ne inizierà un’altra, in cui dovremo già sapere cosa fare. Per cui le decisioni non le prenderemo a maggio, bensì a marzo, approfittando della sosta del campionato. E lì bisognerà dire parole chiare su eventuali ambizioni di ripescaggio e su tutto il programma per la stagione successiva: dalle figure tecniche quali mister e ds, al vivaio e a tutti gli altri aspetti organizzativi della società. Insomma - conclude il dirigente - fare un programma condiviso e poi portarlo avanti in vista della stagione 2018-2019».
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori