Quotidiani locali

Vai alla pagina su Mantova calcio
Cioffi: «Punteremo a vincere i playoff»

Mantova Calcio

Calcio serie D

Cioffi: «Punteremo a vincere i playoff»

Il tecnico del Mantova: «Primato sfumato per tante cause: ritardo estivo, difficoltà al Martelli e un pizzico di iella. Ma non molliamo»

MANTOVA. Il sogno della promozione diretta è ormai svanito ma non per questo mister Renato Cioffi abbassa la guardia. Anzi, il tecnico ci tiene a ribadire che il suo Mantova onorerà la stagione fino alla fine per provare a vincere i playoff.

D'altra parte è anche il momento per trarre un primo bilancio del perché la squadra biancorossa ha dovuto alzare bandiera bianca prima del previsto. «Le motivazioni possono essere tante - precisa il tecnico -, prima tra tutte quella di avere iniziato la preparazione tardi e in condizioni difficili. Le squadre che adesso ci sono davanti, tra giugno e luglio hanno solo inserito 3-4 giocatori in un organico già strutturato; noi abbiamo dovuto visionare oltre 100 ragazzi prima di mettere in piedi una rosa. Ammetto che per qualche tempo anch'io ho cullato il sogno di centrare l'obiettivo più importante, però queste sono situazioni che alla lunga si pagano. Non è un alibi».

Cioffi però ammette anche le colpe della sua squadra: «È altrettanto evidente che qualcosa ci è mancato, credo a livello di personalità. È assurdo che stiamo a rimpiangere i punti persi al Martelli, dove abbiamo un tifo che ci invidia tutta la categoria. Eppure nel nostro stadio abbiamo un impatto sulle partite diverso, forse qualcuno paga la tensione di sapere di dover solo vincere. In trasferta siamo più liberi mentalmente, commettiamo meno errori, ci riescono anche le giocate più difficili. Per certi versi è un mistero, di sicuro è un limite che abbiamo pagato».

Per ultimo Cioffi, senza accampare scuse, chiama in causa anche un pizzico di buona sorte: «Finora in questo torneo la fortuna non ci ha certo dato una mano. Penso alle due partite con la Virtus Vecomp: dover debuttare contro una delle favorite mentre noi eravamo ancora un cantiere aperto... Nel ritorno invece li abbiamo dovuti affrontare subito dopo la sosta, con gente come Correa e Carrasco appena arrivata dal Sudamerica. Per non parlare di alcune decisioni arbitrali discutibili».

Ma ormai è tempo di guardare avanti: «Domenica 18 febbraio ci attende una partita tosta, contro un Legnago in salute che ha sfiorato il colpaccio ad Arzignano, mentre noi dobbiamo rialzarci subito da una sconfitta. Stiamo bene fisicamente, anche meglio degli altri e sono convinto che ai playoff la benzina accumulata salterà fuori. Ma prima bisogna arrivarci e per fare questo non è il momento del disfattismo: stiamo tutti uniti, società, pubblico, stampa perché la stagione è ancora lunga».

Alzando lo sguardo oltre l'orizzonte Cioffi però non vede ancora chiaro: «Ho letto che i soci si troveranno per programmare il futuro - conclude - ma io di queste cose non so nulla. Certamente sarei lusingato di proseguire la mia avventura qui, ma probabilmente prima di entrare nelle questioni tecniche ci saranno da risolvere quelle societarie. Io credo che abbiamo fatto crescere un gruppo di giovani interessanti, che il prossimo anno faranno ancora meglio. Serie D o Lega Pro? Vedremo: dipenderà da noi ma anche dalla società».

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori