Quotidiani locali

Dopo la sosta è già tempo di derby

Domenica i campionati tornano a pieno regime, per le mantovane il clou è in Promozione con la sfida Asola-Castel d’Ario

MANTOVA. I dilettanti mantovani, prima ancora della tragedia di Udine, sapevano di vivere una domenica di pausa dopo il colpo di coda d’un inverno che a 20 giorni (in teoria) dal fischio di chiusura ha spalato la provincia in lungo e in largo di fiocchi bianchi zeppi d’acqua, che svaniranno lasciando strascichi pesanti sotto forma di campi da risaia più che da calcio. Come riparte l’attività, domenica 11, nelle principali categorie dilettantistiche? Un’occhiata fa tutt’altro che male...

ECCELLENZA. Ferma, per il previsto turno di riposo, la Governolese la Castellana andrà invece a casa del Cazzagobornato per onor di firma e per provare a “vendicare” l’ingiusto 2-3 dell’andata. La classifica non cambierà, d’accordo, ma almeno l’onore sarà più lindo.

PROMOZIONE. Così come accade da settembre le principali emozioni vengono dal girone D che domenica propone un’Asola-Castel d’Ario da paura; Maraldo chiede ai biancorossi i primi tre punti della sua gestione tecnica mentre Goldoni pretende giustamente un’inversione di tendenza rispetto all’ultima battuta d’arresto. Fra i bianconeri il pensiero sarà anche a Montichiari, dove il Casalromano punta all’impresa contro una capolista in vistoso appannamento e bisognosa di ritrovare la marcia per non avvantaggiare ancora il San Lazzaro, che a Bienno spera di ripetere l’1-0 dell’andata, e, chissà, accorciare la distanza di 2 punti dalla vetta per riaprire definitivamente un campionato che sembrava perso. Lo Sporting Club riceve quell’Ome che già fu costretto al pari senza gol.

PRIMA. Partiamo dal Crer perchè domenica c’è un Basilica-Viadana da scintille, terza contro seconda, con la squadra di Artoni chiamata a guadagnare quel punto che la separa dalla Casalese per l’aggancio al vertice. In Lombardia oggi il Castiglione sarebbe già in trionfo e i playoff provinciali non si giocherebbero, visti i 13 punti del Marmirolo sul Pralboino, terzo. Domenica la capolista giocherà col fanalino di coda Pieve e pensare in un colpo a sorpresa è più arduo del 6 al Superenalotto. In coda il Pomponesco spera che il Persico elimini dalla lotta il rivale di giornata Casalbuttano e nel contempo Bergalesi si augura che i suoi passino a Suzzara.

SECONDA. La Futura ha avviato una mini fuga e il Real Samb, alle prese con l’infermeria affollata, non è detto che riesca a rintuzzare il colpo. Fra le squadre in lizza per la Prima il turno potrebbe agevolare la Serenissima, in campo a Sermide, mentre la Futura dovrà far fronte ai tentativi del River di firmare l’exploit.

TERZA. Proprio quando il Quistello sembrava in grado di operare l’aggancio lo Sporting Pegognaga, vincendo, ha consegnato la promozione alla Robur che nelle prossime otto giornate ha da gestire altrettanti punti. Nel girone di Cremona la Ceresarese vuole sfruttare il derby a Guidizzolo per allungare ancora in testa.

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro