Quotidiani locali

Vai alla pagina su Mantova calcio
Mister Cioffi: «Il Mantova vuole il gran colpo»

Mantova Calcio

Calcio serie D

Mister Cioffi: «Il Mantova vuole il gran colpo»

«S’è riaperta una finestra, ad Arzignano per non farla richiudere. Tifosi, venite in massa anche se i prezzi sono sbagliati»

MANTOVA. In casa Mantova si sogna «il grande colpo» e Renato Cioffi alla ripresa degli allenamenti non lo nasconde di certo parlando dello scontro diretto in programma domenica 18 marzo ad Arzignano. E, anziché caricare la squadra («in queste sfide non serve, le motivazioni sono già al massimo»), chiama i tifosi: «Spero ci seguano in tanti, anche se l’Arzignano ha aumentato i prezzi con una decisione a mio avviso sbagliata, preferendo puntare all’incasso anziché ad avere una bella cornice di pubblico. Sabato scorso a Motta di Livenza il nostro pubblico ci ha dato una grossa mano e in questo finale di campionato può essere veramente la nostra arma in più».

Davanti a una nutrita rappresentanza del popolo biancorosso, il mister vorrebbe finalmente sfatare il tabù che vede finora il Mantova incapace di vincere contro le prime tre della classe: «Ci teniamo - spiega -, perché abbiamo incassato tre ko e un pareggio ma al termine di partite in cui avremmo meritato molto di più». E su questo tasto Cioffi insiste: «Dite che davanti sembrano rallentare per aspettare noi? No, io dico che accusano una normale flessione dopo tanti risultati utili: non potevano continuare a quei ritmi, sarebbero stati dei robot. Inoltre, visto che le battistrada hanno avuto un pizzico di fortuna in più di noi per tutta la stagione, magari in questo momento la ruota sta girando...».

La situazione del Mantova il tecnico la fotografa con una metafora: «Nel nostro castello eravamo rimasti al buio. Ora in lontananza si è aperta una finestrella da cui vediamo filtrare la luce: non dobbiamo più farla chiudere».

Fare il massimo ogni domenica e continuare a sperare è il motto che ripetono un po’ tutti in Viale Te: «In questo momento noi pensiamo soltanto all’Arzignano. Consci che affronteremo una grande squadra, che ha giocatori importanti in tutti i ruoli e che soprattutto sugli esterni dell’attacco ha 4 elementi di grande valore e intercambiabili. Ma consci anche delle nostre qualità e dell’importanza che avrebbe vincere questo scontro diretto».

Ancora una volta Cioffi non avrà tutta la rosa a disposizione: Eddy è impegnato al Viareggio, Riccò è fuori causa per infortunio. «Sembra invece - spiega il mister - che Debeljuh abbia soltanto una forte contusione al ginocchio e che possa recuperare. Così come conto di avere Guazzo, che ha ripreso ad allenarsi e - anche se non ha i 90 minuti - potrà essere molto utile».

La vera arma in più, però, sarà il rientro di Correa, ieri 13 marzo autore in allenamento di numeri da fantascienza: «Lui la differenza la fa sempre - risponde l’allenatore - ed è chiaro che il suo rientro alzerà il tasso tecnico della squadra». Squadra tutta da decidere, anche se Cioffi potrebbe insistere sul 4-2-3-1 utilizzato sabato scorso o tornare al classico 3-5-2. Se ne capirà di più dopo le due sedute di lavoro odierne e soprattutto dopo l’amichevole che domani pomeriggio i biancorossi giocheranno contro la Juniores.

Chiusura sulle voci societarie degli ultimi giorni: «Non ci riguardano, noi pensiamo al campo e ci auguriamo soltanto che la società continui a operare bene come ha fatto finora. Siamo tranquilli». Forse anche perché proprio ieri, con la solita puntalità, sono stati saldati gli stipendi.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro