Quotidiani locali

Basket A2

Stings, onore salvo, domata Orzinuovi

Dopo un avvio da incubo la Dinamica Generale ritorna al successo

BRESCIA. Agli Stings basta giocare un tempo da "vera Mantova" per uscire con i due punti dal San Filippo, teatro casalingo di Orzinuovi. I bresciani hanno messo alle corde Moraschini e compagni nel primo tempo ma nella ripresa è uscita tutta la differenza di cilindrata tra le due squadre. Si interrompe così, dopo 6 partite, la striscia nera che ha sbarrato ai virgiliani la strada verso i playoff.
Proprio sulla scia del periodo negativo la squadra di Seravalli aveva cominciato il match. Gli ospiti infatti non riescono a togliersi la scimmia dalle spalle e, con un approccio da incubo, subiscono fin da subito i padroni di casa, bravi a portarsi avanti col gaucho Mario Ghersetti. E' Candussi a realizzare il primo canestro ospite dopo quasi 3’ (8-2). Di li a poco si sveglia anche Moraschini, ma è un fuoco di paglia perché l'Agribertocchi Walcor tocca il vantaggio in doppia cifra al 5', con la tripla di Scanzi (16-6). Mantova riesce a trovare buone soluzioni nel pitturato con Candussi e Jones ma è troppo poco per tenere testa inizialmente ai padroni di casa. Orzinuovi trova un primo quarto eccellente al tiro e prova nuovamente a scappare (22-12 al 7'). Ghersetti e Jones danno vita a una grande battaglia che premia il giocatore dei bresciani nel primo scorcio di gara. La situazione non cambia a inizio secondo quarto e neanche con le prime rotazioni, perché Orzinuovi trova ottime risposte anche dalla panchina, ad esempio con Ruggiero che timbra subito il cartellino dalla lunga distanza (35-23). Ghersetti continua a offrire giocate di alta classe ed energia e per i virgiliani è notte fonda (37-23 al 13'). Anche Antelli risponde presente dalla lunga distanza (40-25). Per gli ospiti arriva un altro time-out di coach Seravalli che non si dà pace per il brutto spettacolo offerto dai suoi. Dopo il time-out però, stavolta, la sua squadra reagisce come sa aggrappandosi a Vencato, che fa praticamente sempre la scelta giusta (44-31). Stavolta a rifugiarsi nella sospensione è l'allenatore di casa Crotti. L'ultimo sussulto dei padroni di casa è di Ruggiero che piazza il 54-39 al 18'. 54 punti subiti in 18 minuti segno di una difesa inesistente per i virgiliani che però danno vita a una mini rimonta negli ultimi due minuti del primo tempo (54-46).
La svolta viene completata a inizio della ripresa: stavolta il piglio e le facce dei giocatori mantovani sono completamente diverse. In 3’ e 30’’ Moraschini e compagni hanno già quasi azzerato lo svantaggio (60-58). Raffa prova a rimettere le cose a posto per i bassaioli (63-58) ma ormai i virgiliani sono in scia e trovano l'aggancio con Legion (63-63) e il sorpasso con Moraschini (63-65 al 26'). La squadra di Seravalli adesso gioca sul velluto e riesce a scappare con Legion e Mei (63-72). Arriva anche la tripla di Cucci a consolidare il vantaggio e un grandissimo terzo quarto (68-77). Con Mantova brava ad alzare l'intensità, per Orzinuovi non c'è più stato nulla da fare: Jones e Cucci hanno reso il punteggio ancora più solido (71-87 al 35'). Anche i tifosi a questo punto si spellano le mani per applaudire le giocate di una formazione finalmente convincente: solidissima in difesa e devastante in attacco (76-94). Sollazzo e Strautins provano a rendere meno pesante il passivo per i padroni di casa (82-94) mentre la tripla di Jones chiude definitivamente i giochi (82-97). L’ultimo canestro è per il baby Costanzelli.(Claudio Canini)
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro