Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Viadana, una festa stupenda. Frati: «Tengo i piedi per terra»

Tantissimi tifosi e appassionati alla sfilata delle squadre allo stadio Zaffanella. Il tecnico pensa all’esordio di sabato con San Donà, il tongano Tupou impressiona

VIADANA. Una grande festa prima di fare sul serio. La famiglia del Rugby Viadana si è ritrovata con tutti i suoi team allo Zaffanella per la presentazione ufficiale. Ieri, poco dopo le 18.30, le formazioni giallonere hanno sfilato al gran completo. Le squadre del settore giovanile, dall'Under 6 all'Under 18, la squadra cadetta dei Caimani, le realtà amiche Carpi e Cavezzo e il Viadana femminile. Applausi ed entusiasmo alle stelle per la prima squadra, chiamata alla stagione del riscatto dopo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIADANA. Una grande festa prima di fare sul serio. La famiglia del Rugby Viadana si è ritrovata con tutti i suoi team allo Zaffanella per la presentazione ufficiale. Ieri, poco dopo le 18.30, le formazioni giallonere hanno sfilato al gran completo. Le squadre del settore giovanile, dall'Under 6 all'Under 18, la squadra cadetta dei Caimani, le realtà amiche Carpi e Cavezzo e il Viadana femminile. Applausi ed entusiasmo alle stelle per la prima squadra, chiamata alla stagione del riscatto dopo il deludente sesto posto dello scorso torneo. La giornata si è conclusa con musica, animazione e la festa del terzo tempo.


Partita, dunque, la volata verso il debutto stagionale di sabato (Zaffanella, ore 16) con il San Donà. Questa settimana la rosa si allenerà oggi, domani, giovedì e venerdì, con il tradizionale programma pre match. Gli unici sicuri assenti saranno Ruffolo e Devodier, in recupero dai rispettivi infortuni. Tre gli acciaccati che si spera di recuperare per la prima di Top12: Amadasi, tenuto a riposo nel test con Mogliano per un lieve fastidio muscolare, Balboni, dolorante per una botta alla spalla, e Andrea Denti, che ha tolto i punti alla mano operata. Positive le indicazioni scaturite dalle due amichevoli disputate in questo precampionato.

Festa per la presentazione delle squadre del Rugby Viadana

Con I Medicei i gialloneri, pur ad inizio preparazione, hanno ben impressionato nella prima frazione, chiusa in vantaggio. Di minor interesse il secondo tempo, segnato da una continua girandola di cambi e con molti giovanissimi sul rettangolo verde. Da prendere con le pinze, ma positiva per il morale, la netta vittoria di Mogliano. Tantissime le assenze tra i veneti, privi degli stranieri e alle prese con una serie di esperimenti. Ma le dieci mete messe a segno dal Viadana fanno ben sperare. «Siamo due squadre con obiettivi diversi - spiega coach Filippo Frati - ma l'aver realizzato 60 punti in trasferta è segnale importante. Il tutto facendo vedere cose interessanti e alzando ritmo e intensità rispetto all'uscita precedente. I piedi, però, li teniamo ben piantati per terra».

Tra le note più liete, il debutto d'impatto del tongano Tupou, che ha messo subito in campo grande fisicità e qualità. Tre le mete realizzate in 40'. «E pensare che ha giocato con la febbre - prosegue Frati -. Aveva solo una settimana di allenamenti con noi alle spalle e non stava bene, ma ha voluto giocare. Oltre alle mete, ha portato moltissimi palloni. Mi sono piaciuti molto anche gli altri nuovi, a partire da Guillemain, Ghigo e Ferrarini».

Frati domani sarà a Milano con capitan Ormson per la presentazione ufficiale del campionato. Una stagione che si preannuncia durissima, con tante squadre ambiziose e parecchie possibili sorprese. Una stagione che Viadana non può sbagliare. «Padova, Calvisano e Rovigo hanno dimostrato nelle amichevoli di stare molto bene. Mi ha impressionato il Lazio, potrebbe essere l'outsider del Top12. Il Viadana? Il nostro obiettivo è quello di soddisfare le alte aspettative che ci circondano. C'è pressione, ma questo è un fatto positivo, un privilegio. Vuol dire che è chiaro a tutti che abbiamo possibilità di ben figurare». —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.